• Home
  •  > Notizie
  •  > Chiesa gremita a Quero per l’ultimo saluto ad Angelo Dalla Favera

Chiesa gremita a Quero per l’ultimo saluto ad Angelo Dalla Favera

QUERO VAS. La triste vicenda che per quindi giorni ha coinvolto Angelo Dalla Favera, è giunta al termine ieri alle 10. 30, quando, nella chiesa di Quero, si sono celebrati i suoi funerali. La bara dell’anziano ottantenne, ex assessore comunale, ritrovato morto a bordo della sua Suzuki Jimny nel canale Brentella di Fener nel freddo pomeriggio di martedì 3 dicembre, ha fatto il suo ingresso adornata dai fiori e accompagnata dai figli Monica e Adriano, seguiti a loro volta dai parenti più stretti. A rappresentare l’amministrazione Zanolla era presente l’assessore Alberto Coppe.

Nella chiesa gremita e riscaldata nel contempo un silenzio di pietra senza echi. L’omelia funebre è stata pronunciata dai parroci di Quero Vas e di Alano di Piave, don Alessio Cheso e don Francesco Settimo. Il primo, in particolar modo, ha sintetizzato la fase finale del caso che ha tenuto con il fiato sospeso l’intero Basso Feltrino e non solo, ricordando brevemente la sparizione improvvisa dell’anziano e il costante impegno nella fase di ricerca, comprese «le incertezze e i dubbi che per giorni attanagliavano la mente di chiunque lo conosceva e che temevano per lui» fino a quel pomeriggio, segnato dalla fine delle speranze e dal ritrovamento dell’auto, riportata alla luce dalla acque grazie all’intervento dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco al termine di una lunga operazione.

«Tante parole sono state spese nei confronti di Angelo», ha poi proseguito don Cheso, «per ritrovarlo e riportarlo indietro. Ora però non siamo qui per giudicare, ma per stringerci in un immenso dolore. Non c’è risposta ai perché che passano nella nostra mente».

Il silenzio è poi stato interrotto solo dalle preghiere e dalle letture di alcuni salmi che hanno poi introdotto la comunione e la seconda ed ultima parte della cerimonia. Al termine dell’omelia, la bara è stata portata all’esterno della chiesa per venire trasportata nel cimitero del paese, per la sepoltura. —

D.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Corriere delle Alpi