• Home
  •  > Notizie
  •  > La scuola di Walid si stringe alla famiglia colpita dal lutto

La scuola di Walid si stringe alla famiglia colpita dal lutto

FONZASO

La scuola si stringe attorno ai compagni, agli amici e ai famigliari di Walid Attouch, il diciottenne fonzasino di origine marocchina morto giovedì al Ca’ Foncello dopo essere stato investito da un’auto sabato scorso a Lentiai.

Il ragazzo, che abitava con la famiglia in via Brolo de Pantz, frequentava infatti l’Enaip in Primiero. E la scuola ieri ha voluto esprimere il dolore di ragazzi e insegnanti per la scomparsa di quel ragazzo vivace e simpatico che anche a Fonzaso era da sempre integrato nella vita del paese. «La direzione del centro di formazione professionale Enaip Primiero, a nome dell’intera comunità scolastica», ha voluto così far sapere la scuola attraverso la propria pagina Facebook, «esprime profondo cordoglio per la prematura scomparsa di Walid Attouch, studente della classe seconda meccanica, e porge alla sua famiglia le più sentite condoglianze».

Un dolore che ha toccato profondamente anche la comunità di Fonzaso, dove la tragedia che ha colpito la famiglia Attouch ha suscitato grande cordoglio.

La salma del ragazzo, morto all’ospedale di Treviso dove era stato trasferito dopo un primo ricovero in gravi condizioni al Santa Maria del Prato, potrebbe ora venir sepolta in Marocco, terra di origine della famiglia. Walid era nato infatti a Casablanca nel giugno di 18 anni fa.Una tradizione, quella del ritorno dei defunti alla terra d’origine, finora sempre seguita dalla comunità marocchina locale. —

Pubblicato su Corriere delle Alpi