• Home
  •  > Notizie
  •  > Martedì c’è l’autopsia sul corpo di Tognon dopo la morte in casa

Martedì c’è l’autopsia sul corpo di Tognon dopo la morte in casa

BELLUNO. Muore a casa di un amico: serve l’autopsia. Dovrebbe svolgersi martedì l’esame autoptico sulla salma di Pierluigi Tognon, il 53enne deceduto nella tarda serata di giovedì, mentre era ospite insieme a un’altra persona in un’abitazione di via dei Fossi, nel quartiere di Cavarzano. L’anatomopatologo incaricato dalla magistratura è il dottor Antonello Cirnelli, che cercherà di dare le risposte a tutte le domande che gli sono state formulate dalla Squadra mobile della polizia e dalla Procura.

Le cause della morte di “Pilli”, così era conosciuto a Cavarzano, sono sembrate del tutto naturali al medico legale, che verso la mezzanotte non ha potuto fare altro che informare il sostituto procuratore di turno Marta Tollardo. Tognon sarebbe stato colto da un infarto fulminante, ma il fatto che durante la perquisizione all’interno dell’alloggio gli agenti della volante intervenuti abbiano trovato almeno due siringhe usate, per quanto vecchie, ha spinto gli investigatori ad approfondire la questione e a interessare sia la Scientifica che la Squadra mobile.

Sulle braccia di Tognon, non sono stati trovati segni di iniezioni, ma sarà l’esame autoptico a stabilire l’esatto motivo del decesso. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, il padrone di casa e una terza persona che risulta senza fissa dimora avevano passato la serata fuori, anche nella zona di piazza Vittime di via Fani. Tognon aveva bevuto parecchio e al rientro nell’abitazione ha cominciato a mangiare qualcosa. Improvvisamente si è sentito male ed è andato in bagno. Qui è stramazzato a terra e per lui non c’è stato più nulla da fare. Gli amici hanno tentato di soccorrerlo e i sanitari di rianimarlo, ma tutti i tentativi sono stati vani.

Pierluigi Tognon abitava in via Rudio, insieme al padre Dino. La sua scomparsa ha suscitato una grande commozione tra gli amici, che adesso attendono la data della fissazione dei funerali, nella vicina chiesa parrocchiale. —

G.S.

Pubblicato su Corriere delle Alpi