• Home
  •  > Notizie
  •  > Mel, viene sbalzato dal trattore: 57enne muore investito dal mezzo

Mel, viene sbalzato dal trattore: 57enne muore investito dal mezzo

Fausto Sbardella stava facendo attività di giardinaggio. Forse la marcia ha causato il contraccolpo e lui è caduto a terra

MEL. Innesta la marcia del trattore durante lavori di giardinaggio a Villa di Villa ma il mezzo ha un contraccolpo: lui viene sbalzato a terra e il trattore lo investe inesorabilmente. 

È morto così, per lo sfondamento della cassa toracica, Fausto Sbardella, 57enne originario di Mel e residente a Trichiana in via Morgan.


Erano le 11.30 circa di ieri quando Sbardella stava effettuando dei lavori di giardinaggio nella proprietà di Brunella Tremea, 69enne, una abitazione in via Fabris a Villa di Villa.


Lavoretti leggeri per una persona che conosceva: Sbardella di solito si prestava ad attività che andavano dal giardinaggio a quelle boschive. Solo che ieri mattina quel trattore che era uso utilizzare senza problemi ha fatto bruttissimi scherzi.


Da quanto ha fatto in tempo a raccontare lo stesso 57enne alla signora Tremea, appena avvenuto l’incidente, Sbardella avrebbe inserito la marcia del mezzo sul quale era montato: all’improvviso però un contraccolpo lo avrebbe disarcionato e il trattore, che ha continuato la sua corsa, gli è passato sopra.


È stata la donna a trovare Sbardella nel giardino di casa, a vivere i primi attimi drammatici del tragico evento, a chiedere che cosa fosse accaduto: Sbardella era ancora cosciente appena subìto l’investimento e ha spiegato quel che gli era successo.


Quindi è stata la stessa Brunella Tremea a dare l’allarme ai soccorsi.


Nella proprietà di Villa di Villa, una delle prime lungo la salita di via Fabris che portea in centro, oltre all’ambulanza del Santa Maria del Prato è arrivato anche l’elicottero del Suem per trasferire d’urgenza Sbardella all’ospedale di Belluno: ma a causa dei gravissimi traumi che ha riportato l’uomo è deceduto intorno alle 13.30 al pronto soccorso.


I carabinieri della stazione di Trichiana con il coordinamento dell’Arma di Feltre hanno cercato di ricostruire il tragico episodio e di svolgere le verifiche del caso per capire le circostanze in cui è maturata la tragedia.


Il 57enne era impegnato in lavoretti nel giardino, attività di cortesia che gli erano stata chiesta in amicizia.


Le ipotesi, dopo la raccolta della testimonianza della signora, stanno tutte nella inaspettata circostanza che il trattore abbia avuto un moto improvviso e non controllato da Fausto Sbardella al punto che il 57enne è stato come disarcionato ed è finito per terra.


La marcia inserita e il contraccolpo non hanno fermato il mezzo che ha continuato il suo movimento e, purtroppo, nella sua direzione c’era a terra il corpo del povero 57enne sul quale è passato di slancio.


Sbardella è stato investito sulla parte alta del corpo, il torace. La magistratura ha già rilasciato la salma alla famiglia per la sepoltura.


L’incidente ha destato molta commozione nella zona: Sbardella era una persona conosciuta e disponibile proprio per lavori di questo tipo.


Sposato con Daniela, un figlio grande che vive e lavora a Padova, Fausto Sbardella aveva trascorso molti anni di lavoro all’Ideal Standard.


Poi aveva lasciato l’impianto per la produzione di ceramica a Trichiana per andare a lavorare alla Costan. Dopo altre esperienze lavorative, si era dedicato ad attività nel settore boschivo.


BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

Pubblicato su Corriere delle Alpi