• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio ad Alfredo Rizzardini il “nonno” del Baliato di Coi

Addio ad Alfredo Rizzardini il “nonno” del Baliato di Coi

Aveva quasi 94 annim, domani funerali a Fusine 

IL LUTTO

E’ scomparso all’ospedale di Belluno Alfredo Rizzardini, la persona più anziana del Baliato di Coi, cioè della piccola comunità dei villaggi (prima masi) di Coi e Col, risalenti al secolo XIV. I Rizzardini ne sono una delle famiglie originarie e quella che, sia in termini demografici e sia come importanza sociale, si è maggiormente distinta, tanto da godere del primato d’essere la famiglia della valle di Zoldo che ha dato alla Chiesa più sacerdoti, vari studiosi di fama e alcuni valenti artisti.

Alfredo, nato il 22 ottobre 1927, era una persona distinta. La sua vita era stata semplice, legata all’agricoltura, per qualche anno all’emigrazione, per qualche altro alla professione di casaro, a seguito del padre Rinaldo; ma, in questa semplicità, aveva uno stile e una dignità rari. La sua autorevolezza morale e umana erano indiscutibili. Era un uomo tutto d’un pezzo: coerente nella fede, professata con regolarità e assimilata interiormente; coerente nel lavoro, tant’è che ancora lo scorso anno (ad oltre 90 anni) aveva vangato l’orto; cittadino interessato alla piccola e alla grande patria, orgoglioso di essere Alpino. Sposò la paesana Marcella Pellegrini, figlia del maresciallo di Finanza Alessio; ebbero quattro figli, ma i primi due morirono poco dopo la nascita. I due riuscirono a festeggiare, con semplicità e fede, i 67 anni di matrimonio. Turisti e villeggianti erano felici di intrattenersi con loro perché, sorretti da perfetta lucidità di mente e buona memoria (nonostante il calo delle forze fisiche), sapevano raccontare con precisione le forme di lavoro, la vita e i valori morali che li avevano accompagnati. Il funerale domani alle 14.30 a Fusine. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Corriere delle Alpi