• Home
  •  > Notizie
  •  > Cordoglio per la morte di Maurizio Mazzorana cuoco e anche artista

Cordoglio per la morte di Maurizio Mazzorana cuoco e anche artista

VAL DI ZOLDO

Cordoglio in val di Zoldo per la scomparsa di Maurizio Mazzorana. Il 68enne è morto, precipitando in un dirupo, durante una passeggiata con due amici verso Malga Tavernazzo, sopra la Val Rosna. Era con Paolo Bonetti del Cai di Bologna e Oliviero Olivier del Cai di Zoldo.

La moglie Milly Fontanella ha capito che era successo qualcosa di grave, quando le è arrivato un messaggio sul telefonino: «Quando ho letto il numero di Bonetti, ho compreso che c’era qualcosa che non andava. In un secondo momento, dalle sue parole piene di una evidente preoccupazione ho realizzato ciò che era successo: Maurizio era caduto, perdendo purtroppo la vita».

Mazzorana conosceva bene quel percorso. L’aveva fatto chissà quante altre volte e si poteva stare tranquilli. Non era certo una persona imprudente ed è stata una disgrazia. Era una persona eclettica. Bellunese di Sopracroda, aveva fatto il cuoco al rifugio Bristot, prima di gestire un ristorante a Cornigian, riscuotendo un notevole successo, Nel tempo libero, dipingeva quadri e suonava la tromba. Tranquillo e di compagnia, ogni mattina saliva a Zoldo Alto, magari con la moto, a comprare il giornale da Valerio, con il quale non mancava mai qualche chiacchiera.

La salma di Maurizio Mazzorana è nella cappella del cimitero di Forno di Zoldo, in attesa della data dei funerali: «Siamo dispiaciuti per la sua scomparsa», partecipa al dolore il sindaco di Val di Zoldo, Camillo De Pellegrin, «se ne va una persona di grande cultura, oltre che un ristoratore capace e un appassionato di montagna». —

MARIO AGOSTINI

Pubblicato su Corriere delle Alpi