Chiese in Provincia di Trento - città di Torcegno: Chiesa dell'Ausiliatrice

Chiesa dell'Ausiliatrice
Madonna dell'Aiuto Cappella dell'Ausiliatrice

TRENTO / TORCEGNO
via della Cappella - Torcegno (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa della Madonna Ausiliatrice, orientata a nord, sorge a poca distanza dall'abitato di Torcegno, ai piedi del colle di San Pietro. Venne costruita tra il 1841 e il 1844 a seguito di un voto pronunciato alla Madonna nell'estate del 1836 perché preservasse la popolazione dall'epidemia di colera. La primitiva cappella settecentesca venne inglobata nella costruzione e trasformata in sacrestia. Il prospetto principale è abbellito da due paraste tuscaniche, sorreggenti un cornicione. Al... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa della Madonna Ausiliatrice, orientata a nord, sorge a poca distanza dall'abitato di Torcegno, ai piedi del colle di San Pietro. Venne costruita tra il 1841 e il 1844 a seguito di un voto pronunciato alla Madonna nell'estate del 1836 perché preservasse la popolazione dall'epidemia di colera. La primitiva cappella settecentesca venne inglobata nella costruzione e trasformata in sacrestia. Il prospetto principale è abbellito da due paraste tuscaniche, sorreggenti un cornicione. Al centro si apre un portale con architrave sorretta da modiglioni, sovrastato da una targa dedicatoria. Internamente, l'aula ottagonale è coperta da una cupola e il presbiterio, rialzato su due gradini, è voltato a crociera.

Preesistenze

Cappella primitiva adibita a sacrestia a pianta rettangolare, voltata a botte e interamente affrescata.

Pianta

Pianta centrale ottagonale; presbiterio rettangolare.

Prospetti

Prospetto principale abbellito da due paraste tuscaniche, sorreggenti un cornicione. Al centro si apre un portale con architrave sorretta da modiglioni, sovrastato da una targa dedicatoria. Due finestrelle rettangolari, sui prospetti sud-ovest e sud est, affiancano il portale. Prospetti con stillature e finiture ad intonaco tinteggiato. Sacrestia, corrispondente alla primitiva cappella, addossata alla fiancata ovest, caratterizzata da un'arcata a sesto ribassato, inquadrante una finestra rettangolare chiusa da grata.

Campanile

Struttura a pianta quadrata, posta a nord e inglobata nella costruzione; fusto in pietra intonacata; cella campanaria aperta da monofore; copertura piramidale rivestita in lamiera metallica.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame intonacata. Strutture di orizzontamento: cupola ottagonale sull'aula; volta a crociera sul presbiterio.

Coperture

Tetto ottagonale sull'aula e a più falde sul presbiterio. Manto di copertura in lamiera metallica.

Interni

Aula con pareti scandite da paraste composite sorreggenti cornicione perimetrale, oltre il quale si imposta la cupola, suddivisa in otto spicchi. Presbiterio preceduto da arco santo a tutto sesto, rialzato su due gradini, percorso da cornicione perimetrale e caratterizzato dal portale di accesso alla cappella primitiva sul lato sinistro. Due finestre lunettate illuminano l'aula e una simile il presbiterio, posta sul lato destro. Finiture a intonaco tinteggiato.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento a mattonelle in pietra, a corsi diagonali.

Elementi decorativi

Decorazione plastica e a finto marmo su pareti e volte dell'edificio. Dipinti a tempera in controfacciata e sull'arco santo.

XVIII - XVIII (preesistenze intorno)

Una primitiva cappella dedicata alla Madonna dell'Aiuto (attualmente intitolata all'Ausiliatrice) fu costruita all'inizio del XVIII secolo.

XVIII - XIX (decorazione preesistenze)

La cappella venne decorata verso la fine del XVIII secolo o l'inizio di quello successivo dal pittore Pietro Marchioretto.

1786 - 1786 (cambio giurisdizione carattere generale )

La cappella nel 1786 passò dalla diocesi di Feltre a quella di Trento.

1841/05/23 - 1844 (costruzione intero bene)

La chiesetta attuale fu eretta nel 1841, a seguito di un voto pronunciato alla Madonna nell'estate del 1836 perché preservasse la popolazione dall'epidemia di colera. La benedizione della prima pietra risale al 23 maggio 1841. Il progetto si deve all'ingegnere Antonio Bassi. I lavori terminarono nel 1844 e l'interno fu decorato da stucchi. La cappella primitiva venne inglobata nella costruzione e trasformata in sacrestia.

1844/09/15 - 1844/09/15 (benedizione carattere generale)

L'edificio fu benedetto il 15 settembre 1844.

1921 - 1921 (decorazione intero bene)

Nel maggio del 1921 l'interno fu ornato da motivi decorativi (fregi e finti marmi) da padre Angelo Molinari.

1945 - 1945 (decorazione arco santo e controfacciata)

Due angeli sull'arco santo e una corona in controfacciata vennero dipinti da Francesco Chiletto nel 1945.

1959 - 1959 (restauro intero bene )

Nel 1959 vennero restaurate le coperture e rifatta la tinteggiatura.

1993 - 1993 (restauro intero bene)

L'ultimo restauro della chiesetta risale al 1993. In tale occasione vennero restaurati anche gli affreschi della primitiva cappella (sacrestia), che ha assunto un valore devozionale.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Alfieri Trento Città (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Viale Lido 7 38056 Levico Terme

Via Nazionale 72 Pellizzano

Via G.Prati 14 38077 Trento