Chiese in Provincia di Trento - città di Storo: Cappella di San Maurizio

Cappella di San Maurizio
Cappella detta "Ai morti" Chiesetta dei Morti S. Maurizio

TRENTO / STORO
Storo (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: cappella
Costruito nel 1844 sul lungo Palvico destro, poco fuori dal paese di Storo, il piccolo sacello è noto popolarmente con il nome di “cappella dei morti”, perché nell'estate del 1855 funse da ricovero spirituale per i malati di colera assistiti presso l'annesso lazzaretto e le dodici vittime del morbo epidemico furono sepolte nell'area ad esso antistante. Ristrutturata nel 1960 su iniziativa del locale gruppo ANA, la cappella prese allora l'attuale dedicazione a San Maurizio. La semplice... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Costruito nel 1844 sul lungo Palvico destro, poco fuori dal paese di Storo, il piccolo sacello è noto popolarmente con il nome di “cappella dei morti”, perché nell'estate del 1855 funse da ricovero spirituale per i malati di colera assistiti presso l'annesso lazzaretto e le dodici vittime del morbo epidemico furono sepolte nell'area ad esso antistante. Ristrutturata nel 1960 su iniziativa del locale gruppo ANA, la cappella prese allora l'attuale dedicazione a San Maurizio. La semplice struttura presenta una facciata a due spioventi, interamente occupata dal portale a luce centinata, chiuso da una cancellata. Le fiancate, lisce, sono percorse in basso da una zoccolatura a intonaco rustico e recano ciascuna una piccola finestra arcuata. L'interno, ad aula unica voltata a botte, si conclude in un'abside poligonale.

Pianta

Pianta rettangolare con abside poligonale.

Facciata

Facciata a due spioventi, interamente occupata dall'apertura centinata del portale.

Prospetti

Fiancate lisce, percorse in basso da uno zoccolo a intonaco rustico, ciascuna recante al centro una finestra a centinatura ribassata.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame, finite a intonaco tinteggiato. Strutture di orizzontamento: volta a botte in muratura sull'aula; a spicchi sull'abside.

Coperture

Tetto a doppia falda con struttura lignea e manto di copertura in lamiera metallica.

Interni

Aula unica con pareti lisce, conclusa da abside poligonale preceduta da un'arcata a pieno centro.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in mattonelle di ceramica.

Elementi decorativi

Le pareti dell'abside presentano una decorazione a tempera d'epoca recente, raffigurante San Maurizio protettore degli Alpini.

1844 - 1844 (costruzione intero bene)

La cappella presso il Palvico fu eretta nel 1844 come voto della popolazione locale per scampare all'epidemia di colera che aveva cominciato a diffondersi nelle valli trentine a partire dal 1835.

1844 - 1844 (benedizione carattere generale)

Il sacello fu benedetto nel 1844.

1855 - 1855 (menzione cimitero)

Quando nel 1855 il paese di Storo fu colpito dal morbo di colera, presso la cappellina fu allestito un lazzaretto per assistere gli infermi. Il vicino corso del Palvico, infatti, garantiva un approvigionamento idrico sufficiente a garantire le misure igieniche minime. Durante quell'estate le dodici vittime dell'epidemia furono seppellite nell'area antistante al sacello, che prese così il nome popolare di "cappella dei morti".

1960 - 1960 (ristrutturazione intero bene)

La cappella fu ristrutturata nel 1960 su iniziativa del locale gruppo ANA, cui venne data in consegna. Risale probabilmente a questo intervento anche la decorazione a tempera dell'abside.

1960 - 1960 (cambio intitolazione intero bene)

In seguito al restauro, la cappella fu dedicata a San Maurizio.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Viale Tomasoni 1 Ala (Tn)

Via S. Michele Mezzocorona (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via G. Garibaldi 202 Storo

Via Garibaldi 202 Storo

Via C? Rossa 36 Storo