Chiese in Provincia di Trento - città di Padergnone: Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo

Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo
Ss. Filippo e Giacomo

TRENTO / PADERGNONE
via San Valentino - Padergnone (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa sorge al centro del nucleo antico del paese di Padergnone, con orientamento a est. L'edificio, dedicato ai Santi Filippo e Giacomo, ha origini medievali, ma la prima menzione risale al 1520. La facciata a due spioventi è preceduta da una breve scalinata. Il campanile si eleva sulla fiancata meridionale. L'interno a due navate, con una cappella laterale, è concluso da un presbiterio poligonale. Preesistenze Portale murato nella cappella laterale sinistra e nella parete opposta... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa sorge al centro del nucleo antico del paese di Padergnone, con orientamento a est. L'edificio, dedicato ai Santi Filippo e Giacomo, ha origini medievali, ma la prima menzione risale al 1520. La facciata a due spioventi è preceduta da una breve scalinata. Il campanile si eleva sulla fiancata meridionale. L'interno a due navate, con una cappella laterale, è concluso da un presbiterio poligonale.

Preesistenze

Portale murato nella cappella laterale sinistra e nella parete opposta della navata; elementi scultorei delle bifore del campanile.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale, con due navate, terminante in un presbiterio poligonale.

Facciata

La facciata a due spioventi è preceduta da una breve scalinata ed è caratterizzata da motivi decorativi lapidei angolari. Portale architravato sovrastato da una finestra rettangolare.

Prospetti

Fiancata meridionale caratterizzata da profili lapidei angolari e cornicione modanato, sulla quale aggettano i volumi della cappella e del campanile. Presbiterio, più alto della navata, scandito da cornici rosse.

Campanile

Struttura in pietrame intonacato, su basamento quadrangolare. Fusto decorato da motivi lapidei angolari. Alla sommità cella campanaria in pietra a vista, aperta da bifore; copertura a quattro spioventi con coppi in laterizio.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame, intonacata all'esterno e all'interno; strutture di orizzontamento: volte a crociera nella navata centrale, nella cappella laterale destra e nella seconda campata della navata laterale; volta a botte unghiata nella prima campata della navata laterale; volta a vela nel presbiterio.

Coperture

Tetto a doppia falda ricoperto da coppi in laterizio.

Interni

Ampia navata centrale suddivisa in due campate, raggiungibile tramite una breve scalinata interna; un'arcata a tutto sesto posta sulla parete destra introduce in una cappella laterale a pianta rettangolare, con portale architravato; sul lato opposto un'altra arcata conduce nella navata laterale, suddivisa in due campate, dotata di due finestre rettangolari. L'arco santo precede il presbiterio elevato su due gradini, separato dalla navata da una balaustrata lignea. Sulla parete sinistra si collocano un portale architravato ed una finestra lunettata, sulla parete opposta una finestra a centina rientrante e una centinata.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento a lastre irregolari di pietra calcarea nelle navate ed in parte del presbiterio, completato da mattonelle di pietra presenti anche nella cappella laterale.

Elementi decorativi

Dipinti murali sulla parete meridionale esterna, sulle pareti del navata centrale e su quelle del presbiterio e sulla sua volta.

XVI - XVI (decorazione intero bene)

Numerosi dipinti murali furono realizzati nel corso del XVI secolo: sulla parete meridionale esterna si staglia un affresco con San Cristoforo; altri riquadri sono localizzabili sulla parete sinistra del navata e del presbiterio.

1520 - 1520 (menzione carattere generale)

La chiesa è menzionata per la prima volta nel 1520, come curazia della Pieve di Calavano, ma ha certamente origini medievali, come testimoniano elementi scultorei presenti sul campanile.

1634 - 1634 (ampliamento navata)

L'edificio cinquecentesco fu ampliato nel 1634.

1782 - 1782 (ampliamento presbiterio)

Il volume del presbiterio venne ampliato nel 1782 (una cartella dipinta sull'arco santo ricorda l'evento); in questa occasione furono realizzati gli affreschi della volta.

1958/04/16 - 1958/04/16 (erezione a parrocchia carattere generale)

La chiesa fu eretta a parrocchia il 16 aprile 1958.

1988 - 1994 (restauro intero bene)

Nel corso del 1988 furono realizzati lavori di consolidamento statico e successivamente furono restaurati i beni artistici e gli arredi.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Viale Tomasoni 1 Ala (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Strada De Sora Vac 98 Pozza Di Fassa

Via Del Garda 99 38065 Mori