Chiese in Provincia di Trento - città di Ospedaletto: Chiesa di Sant'Egidio

Chiesa di Sant'Egidio
S. Egidio

TRENTO / OSPEDALETTO
via Roma, 68 - Ospedaletto (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa dedicata a Sant'Egidio di Ospedaletto, orientata a sud-ovest, di origine medievale, fu riedificata due volte: nel XVII secolo una prima volta e tra il 1859 e il 1864, assumendo l'aspetto attuale. La facciata con frontone triangolare è affiancata dalla torre campanaria. L'interno si articola in una navata unica conclusa da un presbiterio rettangolare con abside semicircolare. L'architettura piuttosto aninima è decorata da pitture murali e graffiti realizzati da Anton Sebastian Fasal... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa dedicata a Sant'Egidio di Ospedaletto, orientata a sud-ovest, di origine medievale, fu riedificata due volte: nel XVII secolo una prima volta e tra il 1859 e il 1864, assumendo l'aspetto attuale. La facciata con frontone triangolare è affiancata dalla torre campanaria. L'interno si articola in una navata unica conclusa da un presbiterio rettangolare con abside semicircolare. L'architettura piuttosto aninima è decorata da pitture murali e graffiti realizzati da Anton Sebastian Fasal nel 1929.

Preesistenze

Affusto del campanile.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale; presbiterio rettangolare con abside semicircolare.

Facciata

Facciata ripartita in due ordini da un cornicione marcapiano; ciascun ordine è sudiviso in due settori laterali ed in uno centrale di maggiore ampiezza nel primo ordine da lesene (al centro si apre il portale architravato sormontato da un frontone triangolare) e nel secondo da paraste (al centro è posta una targa con iscrizione). Alla sommità frontone triangolare.

Prospetti

Fiancate ripartite dalla presenza di un doppio ordine di lesene.

Campanile

Torre campanaria discosta dal corpo di fabbrica della chiesa con scarpa rastremata verso l'alto; sia il fusto che la scarpa, in pietrame intonacato, sono profilati da conci angolari a vista; una cornice marcapiano segna la presenza della cella campanaria aperta da quattro ampie monofore centinate; da un tamburo ottagonale si sviluppa la copertura a cipolla con lanterna, rivestita da lamiera metallica.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura di pietrame intonacata all'esterno e all'interno; strutture di orizzontamento: volta a crociera nella navata e nel presbiterio; catino absidale. Tirante in ferro nella navata e presso l'arco santo.

Coperture

Tetto rivestito di embrici in laterizio, a due falde sulla navata centrale; rivestito di tegole in laterizio, a più falde sull'abside.

Interni

Navata unica suddivisa in tre campate da arcate trasversali a tutto sesto, poggianti su pilastri fortemente aggettanti. In corrispondenza della campata centrale si aprono due ampie finestre centinate. L'arco santo a tutto sesto precede il presbiterio rialzato su tre gradini e illuminato da una finestra centinata posta sulla parete sinistra, sovrastante il portale architravato di accesso alla sacrestia. Abside semicircolare.

Pavimenti e pavimentazioni

Seminato alla veneziana nella navata; lastre di marmo nel presbiterio e nell'abside.

Elementi decorativi

Dipinti a tempera sulle pareti della navata, in controfacciata, nel presbiterio e nel catino absidale.

1196 - 1196 (menzione carattere generale)

La chiesa di Sant'Egidio è menzionata fin dal 1196.

1640 - 1643 (ricostruzione preesistenze)

La chiesa medievale, una piccola costruzione a pianta rettangolare, fu completamente riedificata tra il 1640 e il 1643.

1709 - 1709 (concessione del fonte battesimale carattere generale)

Nel 1709 alla chiesa fu concesso di possedere un battistero.

1748 - 1748 (sopraelevazione campanile)

Nel 1748 il campanile fu sopraelevato di circa 8 metri.

1786 - 1786 (cambio giurisdizione carattere generale)

La chiesa nel 1786 passò dalla diocesi di Feltre a quella di Trento.

1859 - 1864 (costruzione intero bene)

Tra il 1859 e il 1864 la chiesa seicentesca fu abbattuta e al suo posto fu edificato un nuovo tempio, su progetto del geometra Fiori di Strigno. La prima pietra del nuovo edificio fu posata il 18 maggio 1863. Fu mantenuta la struttura dell'antico campanile, che venne scorporato dal precedente edificio e rinforzato da una nuova scarpa.

1864/09/01 - 1864/09/01 (consacrazione carattere generale)

Il nuovo edificio fu consacrato il primo settembre 1864 dal vescovo di Trento Benedetto Riccambona.

1915 - 1918 (danneggiamenti intero bene)

La nuova chiesa fu danneggiata durante la Grande Guerra.

1918 - 1920 (restauro intero bene)

Per ovviare ai danni causati dalla guerra, il corpo centrale della chiesa fu abbassato di due metri e mezzo, su progetto degli architetti Scolz e Sottsass.

1921 - 1921 (decorazione abside)

Il catino absidale fu decorato a tempera dai pittori Francesco Giustiniani e Umberto Rossi nel 1921.

1929 - 1929 (decorazione intero bene)

Nel 1929 Anton Sebastian Fasal decorò il presbiterio, la navata e la controfacciata.

1954 - 1954 (scoprimento affreschi campanile)

Nel 1954, nel corso di un sondaggio nel campanile, furono rivenute tracce di affresco.

1955/05/19 - 1955/05/19 (erezione a parrocchia carattere generale)

La parrocchia fu eretta il 19 maggio 1955.

1976 - 1976 (danneggiamento intero bene)

Il terremoto del 1976 danneggiò abbastanza gravemente l'edificio.

1977 - 1977 (restauro intero bene)

La chiesa fu restaurata nel 1977: si ripararono i danni delle scosse sismiche; furono tinteggiati gli interni e gli esterni; fu rifatto il tetto; fu consolidato il campanile.

2002 - 2012 (restauro intero bene)

Tra il 2002 e il 2012 è stato svolto un nuovo importante restauro conservativo della chiesa e del campanile.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Viale Tigli 12/D Riva Del Garda

Snc, Borgo Valsugana Snc Castelnuovo

Via Postal 29 38010 Trento