Chiese in Provincia di Trento - città di Moena: Chiesa di San Vigilio

Chiesa di San Vigilio
S. VIGILIO vescovo e martire S. Vigilio

TRENTO / MOENA
via Don Giovanni Iori - Moena (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La parrocchiale di San Vigilio sorge su un terrazzamento che sovrasta l'abitato di Moena, con orientamento a est. Documentata fin dal 1164 e interamente ricostruita in forme gotiche verso il 1533, la chiesa deve il suo attuale aspetto all'ampliamento condotto tra il 1926 e il 1931 su progetto dell'architetto roveretano Giovanni Tiella. La facciata a due spioventi presenta un corpo centrale eminente delimitato da contrafforti in pietra a vista e preceduto da un portico aperto su tre lati da... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La parrocchiale di San Vigilio sorge su un terrazzamento che sovrasta l'abitato di Moena, con orientamento a est. Documentata fin dal 1164 e interamente ricostruita in forme gotiche verso il 1533, la chiesa deve il suo attuale aspetto all'ampliamento condotto tra il 1926 e il 1931 su progetto dell'architetto roveretano Giovanni Tiella. La facciata a due spioventi presenta un corpo centrale eminente delimitato da contrafforti in pietra a vista e preceduto da un portico aperto su tre lati da arcate a pieno centro; il sistema di forature è determinato dalle aperture sovrapposte del portale, dell'oculo circolare e di una trifora a luci cuspidate. Le fiancate sono caratterizzate dall'emergere dei volumi delle cappelle laterali e dei bracci del transetto, i quali presentano fronti monocuspidate; un portale monumentale si apre in corrispondenza del braccio sinistro. Il campanile è posto a nord del presbiterio e presenta una cella campanaria illuminata da due ordini di monofore e trifore, sormontata da cuspide ottagonale a quattro timpani centrati da bifore. L'interno si sviluppa a tre navate, di cui la centrale prolungata verso ovest di una campata. Cappelle laterali simmetriche si affacciano in corrispondenza della seconda e della quinta campata delle navate esterne. La crociera è sormontata da una cupola ottagonale inserita in un tiburio visibile esternamente. Il braccio destro del transetto è impiegato come cappella battesimale. Il presbiterio con volta reticolata, ricavato nel corpo della navata della chiesa cinquecentesca, è rialzato su tre gradini e occupa per intero l'ultima campata della navata centrale. Due scalini ulteriori conducono all'abside poligonale, preceduta da un'arcata archiacuta.

Preesistenze

Appartengono alla fabbrica gotica di epoca cinquecentesca l'abside, il corpo del presbiterio e quello della cappella del Carmine, posta sul lato destro. Della chiesa cinquecentesca rimane, inoltre, il campanile.

Pianta

Pianta a croce latina, ripartita in tre navate. Bracci del transetto e cappelle laterali poligonali affacciate sulle navate laterali emergenti. Presbiterio rettangolare e abside poligonale.

Facciata

Facciata a due spioventi caratterizzata da un corpo centrale eminente, stretto tra contrafforti in pietra a vista e preceduto da portico a doppia falda rialzato su tre gradini; sistema di forature determinato dalle aperture sovrapposte del portale architravato, di un oculo circolare e di una trifora a luci cuspidate. Ali laterali arretrate, anch'esse delimitate da contrafforti, centrate da finestre esagonali irregolari profilate in pietra.

Prospetti

Fiancate laterali intonacate, caratterizzate dall'emergere dei volumi delle cappelle laterali e dei bracci del transetto con attacco al cielo a due spioventi; il braccio sinistro reca un portale monumentale.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare, addossata al lato sinistro del presbiterio, inglobata nella struttura della chiesa. Il fusto, intonacato e tinteggiato, reca stilature dipinte. Cella campanaria rivestita in pietra a vista, organizzata su due ordini illuminati rispettivamente da monofore archiacute e strette trifore centinate ripartite da colonnine. Cuspide ottagonale con timpani triangolari forati da bifore a luce ogivale. Sfera e croce apicali.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame, finite a intonaco tinteggiato. Strutture di orizzontamento: navate laterali voltate a vela; navata centrale e cappella del Carmine voltati a botte con lunette; cupola ottagonale sulla campata quinta della navata centrale; presbiterio e abside coperti da volte reticolate.

Coperture

Tetto a doppia falda sulle navate e sui bracci del transetto, a più falde sulle cappelle laterali e sull'abside, avente struttura in legno e manto di copertura in scandole. Sulla crociera si erge un tiburio ottagonale con tetto multifalda. Campanile coronato da cuspide ottagonale con struttura lignea e manto di copertura in scandole.

In

XI - 1164 (costruzione intero bene)

La chiesa di San Vigilio fu eretta nel corso dell'XI secolo ed entro il 1164, anno della sua consacrazione. Secondo un'ipotesi avanzata da alcuni studiosi locali, l'edificio sacro consacrato a questa data si sarebbe trovato non nel luogo dell'attuale parrocchiale, bensì in quello in cui sorge la chiesa di San Volfango. Tale opinione ripetuta in numerosi testi ma basata su una errata trascrizione del millesimo 1626 riportato alla sommità della facciata di San Volfango, è da ritenersi quanto mai improbabile.

1164/09/27 - 1164/09/27 (consacrazione intero bene)

L'edificio sacro fu consacrato il 27 settembre 1164 dal vescovo trentino Sant'Adelpreto.

1216/10/12 - 1216/10/12 (consacrazione carattere generale)

In seguito ad imprecisati lavori di ampliamento, l'edificio fu riconsacrato il 12 ottobre 1216 dal vescovo trentino Federico Vanga.

1334/06/27 - 1334/06/27 (erezione a curazia carattere generale)

Il 27 giugno 1334 la chiesa fu eretta a curazia dipendente dalla pieve di Cavalese.

1373 - 1373 (consacrazione carattere generale)

Nel 1373 Bucardo, vescovo ausiliare di Bressanone, riconsacrò la chiesa dopo che era stata profananta in circostanze imprecisate.

XV - 1533 (ristrutturazione intero bene)

La chiesa fu ristrutturata in forme gotiche tra la fine del XV e la prima metà del XVI secolo. I lavori si ritengono ultimati entro il 1533, data che compare in una delle chiavi di volta dell'attuale presbiterio.

1540 - 1540 (sopraelevazione campanile)

Il campanile fu sopraelevato nel 1540, data riportata da un'iscrizione rinvenuta nel corso dei restauri del 1998. La torre deve il suo aspetto attuale a questo intervento.

1700 - 1730 (costruzione cappelle laterali)

Nel corso dei primi decenni del XVIII vennero costruite le cappelle laterali del Rosario e del Carmine (1700-1730 circa). Quest'ultima era dotata di una propria sacrestia, posta sul lato ovest e documentata da fotografie d'epoca antecedenti alla rifabbrica novecentesca.

1821 - 1821 (prolungamento navata)

Tra il 1819 e il 1821 la navata della chiesa fu prolungata di due campate verso ovest, con la costruzione di due nuove cappelle poco profonde, simmetriche. I lavori resero necessaria la demolizione di un sacello esterno dedicato alla Madonna Addolorata, il cui altare fu traslato nella cappella prima a sinistra. Contestualmente fu costruita la balconata della cantoria, raggiungibile attraverso una scala esterna posta sul lato nord. Foto storiche pubblicate da Seppi (2000) documentano lo stato della fabbrica dopo l'ampliamento ottocentesco.

1898 - 1908 (fase preliminare ampliamento intero bene)

Lo sviluppo demografico tardo ottocentesco di Moena determinò l'esigenza di ampliare la struttura della chiesa parrocchiale. La raccolta fondi e di idee venne attuata tra il 1898 e il 1908, ma l'apertura del cantiere fu ritardata dallo scoppio della prima guerra mondiale.

1908/09/06 - 1908/09/06 (erezione a parrocchia carattere generale)

La curazia venne eretta a parrocchia il 6 settembre 1908.

1921 - 1923 (progetto ampliamento intero bene)

I lavori per l'ampliamento della parrocchiale ripresero nel 1921, benché solo per breve tempo, dal momento che la Commissione regionale Belle Arti bocciò il progetto di ampliamento presentato dall'ingegnere Emilio Paor, che prevedeva la demolizione della cappella del Carmine oltre a quella del campanile (1922). Nello stesso anno anche un secondo progetto, elaborato da Ettore Sottsass, fu bocciato perché basato sull'inversione dell'orientamento della fabbrica. Si propose allora la costruzione di una nuova chiesa in un luogo poco distante da quella antica e fu indetto un referendum popolare per decidere il dafarsi. L'esito della consultazione del 7 ottobre 1923 rese manifesta l'intenzione della popolazione di Moena di attuare l'ampliamento.

1925 - 1926/10/01 (avvio lavori ampliamento)

Nel 1925 su incarico del Comune di Moena l'architetto Giovanni Ti

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Via S. Michele Mezzocorona (Tn)

Viale Tomasoni 1 Ala (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

38057 Trento

Via S. Giovanni Bosco 7 38016 Mezzocorona

Via Antonio Rosmini 2 Rovere' Della Luna