Chiese in Provincia di Trento - città di Mezzano: Chiesa di San Giorgio

Chiesa di San Giorgio
S. Giorgio

TRENTO / MEZZANO
Mezzano (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa parrocchiale si erge al centro del paese di Mezzano con orientamento a est. L'edificio nominato fin dal 1360 fu riedificato nel 1670 ed ampliato nel 1728. La facciata a capanna è caratterizzata dal profilo molto spiovente delle due falde del tetto coperte da tegole lignee. Uno slanciato campanile si innalza sul lato settentrionale, terminante in una copertura a cipolla. L'interno si articola in tre navate suddivise da colonne cilindriche, terminanti in un presbiterio a due campate... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa parrocchiale si erge al centro del paese di Mezzano con orientamento a est. L'edificio nominato fin dal 1360 fu riedificato nel 1670 ed ampliato nel 1728. La facciata a capanna è caratterizzata dal profilo molto spiovente delle due falde del tetto coperte da tegole lignee. Uno slanciato campanile si innalza sul lato settentrionale, terminante in una copertura a cipolla. L'interno si articola in tre navate suddivise da colonne cilindriche, terminanti in un presbiterio a due campate concluso da un'abside semicircolare.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale, con tre navate, terminante in un presbiterio rettangolare con abside semircolare.

Facciata

Facciata a capanna: in basso un portale arcuato inquadrato da un'edicola in parte dipinta (colonne parzialmente visibili ai lati dei piedritti) e in parte tridimensionale (frontone triangolare ancora esistente), affiancato da due finestre termali, è sormontato da due aperture circolari sovrapposte; le aperture sono profilate da conci lapidei dipinti.

Prospetti

Fiancata meridionale caratterizzata dall'emergere del volume della sacrestia, quella opposta da volume del campanile.

Campanile

Struttura su basamento quadrangolare in pietrame intonacato (conci lapidei angolari a vista); fusto ospitante quadranti di orologio; cella campanaria tra cornicioni aggettanti, sovrastata da un attico ornato da pinnacoli angolari; la copertura a cipolla, rivestita da tegole lignee, si innalza da un tiburio ottagonale scandito da semicolonne che si alternano ad aperture centinate chiuse da balaustre.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura di pietrame intonacata all'esterno e all'interno; strutture di orizzontamento: volte a botte unghiata nella navata centrale e volte a crociera in quelle laterali; volta a botte unghiata nel presbiterio e volta a semiombrello nell'abside. Tiranti in ferro nella navata centrale.

Coperture

Tetto a due ripidi spioventi rivestiti di tegole lignee sulle navate e sul presbiterio; tetto semiconico sull'abside.

Interni

Tre navate suddivise da arcate a tutto sesto poggianti su colonne: le navate laterali sono scandite in campate da arcate trasversali poggianti sulle pareti perimetrali a semipilastri; una simile articolazione degli spazi si ritrova nella navata centrale: le arcate delle volte poggiano su semipilastri posti in corrispondenza delle colonne e sostenenti un cornicione plurimodanato, corrente fino all'arco santo a tutto sesto. Il presbiterio è sopraelevato su due gradini e concluso da abside. Finestre illuminano l'interno: sei lunettate nelle navate laterali e nell'abside, cui si aggiungono due finestre centinate sottostanti a quelle lunettate absidali.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento a mattonelle lapidee disposte a corsi obliqui nelle navate; quadrotte bicolori disposte a corsi obliqui nel presbiterio e nell'abside.

Elementi decorativi

Dipinti murali sulle volte della navata centrale e sulle pareti del presbiterio.

1360 - 1360 (menzione carattere generale)

Una chiesa dedicata a San Giorgio è documentata fin dal 1360.

1670 - 1670 (riedificazione intero bene)

La chiesa medievale fu riedificata nel 1670.

1698/05/02 - 1698/05/02 (erezione a curazia carattere generale)

La chiesa divenne curazia della pieve di Primiero il 2 maggio 1698.

1728 - 1728 (ampliamento intero bene)

Nel 1728 la struttura seicentesca fu ampliata, probabilmente con la realizzazione delle due navate laterali e di una nuova facciata.

1782/06/01 - 1782/06/01 (consacrazione carattere generale)

Il nuovo edificio fu consacrato il primo giugno 1782.

XIX - XIX (decorazione navata centrale)

Nel XIX furono realizzati i dipinti che ornano le volte della navata centrale, assegnabili ad un ambito trentino.

1907 - 1907 (restauro intero bene)

La chiesa fu interamente restaurata nel 1907.

1910/12/29 - 1910/12/29 (erezione a parrocchia carattere generale)

La curazia fu elevata a parrocchia il 29 dicembre 1910.

1943 - 1944 (decorazione intero bene)

Vittorio Melchiori decorò l'interno della chiesa tra il 1943 e il 1944: in un primo momento realizzò le raffigurazioni del presbiterio e successivamente la serie di tondi che corre sopra le arcate della navata centrale.

1974 - 2003 (restauro intero bene)

L'edificio fu restaurato nel 1974 e recentemente nel 2001, occasione nella quale sono stati sistemati l'ingresso della chiesa e la zona penitenziale su progetto dell'architetto Maria Stella Marini; inoltre nel 2003 è stato posizionato un nuovo sistema antifurto.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via Gerola 17 38100 Trento

Snc, Borgo Valsugana Snc Strigno

Via Del Garda 99 38065 Mori