Chiese in Provincia di Trento - città di Grumes: Chiesa di Santa Lucia

Chiesa di Santa Lucia
S. LUCIA vergine e martire S. Lucia

TRENTO / GRUMES
Grumes (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La parrocchiale di Santa Lucia, orientata a sud-est, e l'attiguo cimitero sorgono su una balconata cintata da un muro, dalla quale si domina la sottostante valle dell'Avisio. Il tempio attuale è il risultato della ricostruzione di una cappella precedente condotta nel 1767 e di due successivi ampliamenti (1842 e 1898), ai quali si deve presumibilmente la costruzione delle due cappelle laterali. La spoglia facciata a due spioventi, con angoli concavi, è definita da due coppie di pilastri... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La parrocchiale di Santa Lucia, orientata a sud-est, e l'attiguo cimitero sorgono su una balconata cintata da un muro, dalla quale si domina la sottostante valle dell'Avisio. Il tempio attuale è il risultato della ricostruzione di una cappella precedente condotta nel 1767 e di due successivi ampliamenti (1842 e 1898), ai quali si deve presumibilmente la costruzione delle due cappelle laterali. La spoglia facciata a due spioventi, con angoli concavi, è definita da due coppie di pilastri angolari sfalsati su differenti piani di profondità, e viene ripartita orizzontalmente da una cornice mediana modanata. La zoccolatura di base è interrotta al centro dall'apertura del portale architravato, mentre alla sommità si colloca un'apertura cruciforme. Il motivo della cornice mediana ricorre anche lungo le fiancate, caratterizzate dalle aperture delle finestre lunettate e, soprattutto, dall'emergere dei corpi delle cappelle laterali. Un accesso secondario si trova sul lato nord-ovest della cappella sinistra. Il presbiterio, compreso tra i volumi ribassati della sacrestia e di un coretto, è sormontato dal tamburo circolare della cupola e reca due finestre lunettate laterali. Isolato a sud-est dell'abside semicircolare sorge il campanile a cipolla (1834), con fusto insistente su una ripida scarpa rastremata e cella campanaria a quattro monofore. L'interno si sviluppa a navata unica, ritmata da coppie di paraste corinzie, che determinano una partizione interna a due campate, raccordate da un settore intermedio di dimensioni minori. Ai lati della seconda campata si sviluppano due cappelle laterali gemelle, inquadrate da arcate a pieno centro. L'arco santo a pieno centro introduce al profondo presbiterio, rialzato su due gradini e sormontato da una cupola circolare. A sinistra un'arcata centinata immette a un coretto posto sulla stessa quota e comunicante con la cappella sinistra. La chiesa è nota per gli affreschi di Valentino Rovisi che adornano le volte della navata e la cupola del presbiterio.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale; ai lati della seconda campata si sviluppano due profonde cappelle rettangolari; presbiterio rettangolare, affiancato a sinistra da un coretto rettangolare; abside semicircolare.

Facciata

Spoglia facciata a due spioventi, con angoli concavi, definita da due coppie di pilastri angolari sfalsati su differenti piani di profondità, e ripartita orizzontalmente da una cornice mediana modanata. La zoccolatura di base è interrotta al centro dall'apertura del portale architravato, mentre alla sommità si colloca un'apertura cruciforme.

Prospetti

Fiancate laterali simmetriche, percorse a media altezza da una cornice orizzontale modanata identica a quella della facciata e caratterizzate dall'emergere dei volumi delle cappelle laterali. Oltre la cornice, in corrispondenza della prima campata e delle pareti di fondo delle cappelle si aprono dei finestroni lunettati; alla stessa quota, sulle pareti laterali delle cappelle si trovano dei lunettoni ciechi. Sul lato nord-ovest della cappella sinistra si trova un accesso secondario. Il presbiterio, segnato da contrafforti intonacati posti in corrispondenza dell'innesto con l'abside, è compreso tra i corpi emergenti della sacrestia (a destra) e di un coretto (a sinistra) ed è illuminato da due finestre lunettate. Sul presbiterio si erge un tamburo circolare, illuminato da quattro aperture quadrilobate.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare, isolata a sud-est dell'abside. Il fusto intonacato insiste su un'alta scarpa rastremata ed è cimato da mostre di orologio. La cella campanaria a quatto monofore centinate è abbellita alla base da un motivo lineare a doppia cornice, di cui quella superiore interrotta in corrispondenza delle aperture delle finestre. Oltre il cornicione modanato e dentellato si erge una cipolla ottagonale, cimata da sfera e croce.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame, finite a intonaco tinte

1398 - 1398 (menzione carattere generale)

La prima menzione di una cappella a Grumes si riscontra in un testamento del 1398.

1537 - 1584 (dedicazione carattere generale)

Negli atti visitali clesiani del 1537 la cappella è detta "Sanctae Agathae". Non è chiaro se tale dedicazione vada considerata come un errore dell'estensore del documento o se invece essa fosse allora l'intitolazione ufficiale della cappella. La dedicazione a Santa Lucia si riscontra con continuità almeno a partire dal 1584.

1584 - 1584 (erezione a curazia carattere generale)

Nel 1584 la cappella di Santa Lucia di Grumes venne eretta a curazia assieme a quella di San Cristoforo e San Martino di Grauno.

1612 - 1612 (ampliamento intero bene)

L'edificio sacro fu ampliato nel 1612 circa.

1628 - 1628 (indipendenza della curazia carattere generale)

Secondo Bazzanella (2008) le curazie di Grauno e Grumes furono separate e rese indipendenti nel 1628.

1767 - 1767 (ricostruzione intero bene)

Gli atti visitali del 1767 riferiscono che era allora in corso la ricostruzione del tempio. I lavori dovevano essere in fase piuttosto avanzata in quanto i visitatori vescovili annotarono che la chiesa era "necessari bene provisam".

1767 - 1767 (decorazione intero bene)

Gli affreschi della volta della navata e della cupola del presbiterio sono opera di Valentino Rovisi del 1767. Contestualmente venne approntato l'apparato stucchivo di corredo.

1789 - 1789 (costruzione cimitero)

In seguito all'ampliamento della chiesa curata nel 1789 fu costruito un nuovo cimitero.

XIX - 1842 (costruzione cappella destra)

Dagli atti visitali del 1842 si apprende che la chiesa era da poco stata ampliata con la costruzione di una cappella (verisimilmente quella destra) che aveva occupato una vasta area del cimitero, del quale si auspicava l'ampliamento.

1834 - 1834 (costruzione campanile)

Nel 1834 fu eretto il campanile.

1855 - 1855 (costruzione cappella del cimitero intorno)

La vicina cappella cimiteriale di San Rocco venne eretta nel 1855.

1870 - 1896 (costruzione cappella sinistra (?))

Dagli atti visitali del 1870 si apprende che "avendosi da parecchi anni il pensiero di ristorare, ed ingrandire quella chiesa" o addirittura di "costruirne una nuova", la fabbriceria di Santa Lucia stava facendo economia. I visitatori vescovili lamentano però una gestione troppo ristretta delle spese, che aveva causato un degrado tale che "l'interno della chiesa, gli altari, i sacri arredi, il cimitero, il piazzale intorno alla chiesa, tutto ad eccezione della s. Pisside, calici ... si trova in stato lamentevole; segnatamente due altari dovrebbero essere levati, e la sacrestia chiusa". In mancanza di notizie certe si ritiene probabile che l'ampliamento del 1898 ricordato da una targa dipinta in controfacciata sia stato limitato alla costruzione della sola cappella sinistra.

1912/11/20 - 1912/11/20 (erezione a parrocchia carattere generale)

La parrocchia di Santa Lucia a Grumes venne eretta il 20 novembre 1912.

1938 - 1938 (restauro intero bene)

L'edificio fu restaurato e decorato da Metodio Ottolini nel 1938. Contestualmente venne fatta una sistemazione del sagrato.

1973 - 1973 (restauro intero bene)

Imprecisati lavori di restauro furono eseguiti nel 1973.

1994 - 1994 (sistemazione sagrato)

Nel 1994 furono effettuati lavori di sistemazione del sagrato.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via G. Garibaldi 202 Storo

38057 Trento