Chiese in Provincia di Trento - città di Dro: Chiesa di Sant'Antonio di Padova

Chiesa di Sant'Antonio di Padova
Chiesa di Sant'Antonio da Padova S. Antonio di Padova

TRENTO / DRO
piazza Sant'Antonio - Dro (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa di Sant'Antonio di Padova sorge all'interno del centro abitato di Dro. L'edificio, orientato a est, presenta una facciata di tipo classico, caratterizzata da due paraste d'ordine tuscanico angolari sostenenti un frontone triangolare spezzato, modanato; in alto al centro si apre una vasta finestra termale che trova corrispondenza in quella gemella del fronte ovest. La chiesa si sviluppa su pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale e presbiterio rettangolare. La navata... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di Sant'Antonio di Padova sorge all'interno del centro abitato di Dro. L'edificio, orientato a est, presenta una facciata di tipo classico, caratterizzata da due paraste d'ordine tuscanico angolari sostenenti un frontone triangolare spezzato, modanato; in alto al centro si apre una vasta finestra termale che trova corrispondenza in quella gemella del fronte ovest. La chiesa si sviluppa su pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale e presbiterio rettangolare. La navata presenta una volta a botte unghiata, mentre il presbiterio è coperto da volta a botte semplice. Lo spazio presbiteriale, rialzato su un gradino, è chiuso da una balaustrata sormontata da una cancellata in ferro battuto.

Pianta

Pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale; presbiterio rettangolare.

Facciata

Facciata rinserrata tra due paraste tuscaniche sostenenti un frontone triangolare, spezzato, centrato da oculo. In basso portale con frontone curvilineo abbellito da vasi; in alto, ampia finestra termale.

Prospetti

Fiancate lisce lungo le quali si aprono due ingressi secondari gemelli. Sul lato est è presente un'ampia finestra termale, del tutto simile a quella della facciata.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame finite a intonaco tinteggiato. Zoccolo perimetrale in pietra a vista. Strutture di orizzontamento: volta in muratura, a botte unghiata in navata, a botte semplice nel presbiterio.

Coperture

Navata: tetto a due falde con struttura lignea e manto di copertura in coppi. Presbiterio: tetto a tre falde con struttura in legno e manto di copertura in coppi. In corrispondenza dell'angolo sud-est del presbiterio si erge un piccolo campaniletto a vela.

Interni

Pareti della navata e del presbiterio prive di elementi architettonici; finiture interne a intonaco velato a calce (pareti) e tinteggiato (volte). Spazio presbiteriale rialzato su un gradino, chiuso da balaustrata sormontata da cancellata in ferro battuto, recante due finestre rettangolari sul lato destro e una su quello sinistro. Cornicione marcapiano modanato, eminente, corrente lungo l'intera struttura.

Pavimenti e pavimentazioni

Navata e sacrestia: pavimento in marmo di posa recente, abbellito da motivi lineari in navata. Presbiterio: pavimento originale in pietra calcarea bianca intarsiato in marmo mischio, recante motivi a quadrilobo ripetuti in teorie orizzontali.

Elementi decorativi

La volta del presbiterio è campita da un ampio riquadro figurato eseguito a fresco. Navata e presbiterio sono percorsi da un fregio marcapiano con triglifi dipinto a tempera. Le volte della navata e del presbiterio sono profilate da cornici con specchiature rettangolari alternate a rosette, anch'esse eseguite a tempera.

XVII - 1661 (preesistenze intorno)

Nel XVII secolo, nel luogo in cui sorge la chiesa, si trovava un'edicola dedicata a Sant'Antonio da Padova, contenente l'immagine ritenuta miracolosa. L'edicola fu abbattuta per far posto alla nuova chiesa, edificata a partire dal 1661.

1661 - 1667 (costruzione intero bene)

Il sette agosto 1661 la comunità di Dro, spinta dal desiderio di conferire una collocazione più dignitosa all'immagine miracolosa del santo francescano contenuta nell'edicola posta a sud del paese, decise di erigere in quel luogo la nuova chiesa di Sant'Antonio di Padova. I lavori cominciarono subito, tanto che l'undici settembre dello stesso anno fu posta la prima pietra, e proseguirono fino al 1667. A partire da tale anno la chiesa cominciò ad essere officiata.

1673/05/08 - 1673/05/08 (consacrazione intero bene)

La chiesa di Sant'Antonio di Padova fu consacrata dal vescovo Sigismondo Alfonso di Thun in occasione della visita pastorale dell'8 maggio 1673.

XX - XX (rifacimento intorno)

Nel corso del terzo quarto del XX secolo venne sistemata la piazza antistante la chiesa e fu posta la recinzione con pilastrini e catene che delimitai il sagrato.

1914 - 1918 (variazione d'uso intero bene)

Tra il 1914 e il 1918 la chiesa, lambita dal tracciato dalla ferrovia logistica dell'esercito austroungarico, fu utilizzata come magazzino militare.

1921 - 1922 (rifacimento coperture)

Tra il 1921 e il 1922 il comitato pro Sant'Antonio decise di finanziare il rifacimento del tetto. I lavori furono appaltati a Clemente Giovanazzi e Luigi Trenti, che si impegnavano ad assumere la manodopera del posto.

1922 - 1922 (sostituzione finestre)

Nel 1922 il comitato pro Sant'Antonio finanziò la sostituzione delle vetrate delle finestre. Il lavoro venne eseguito dalla ditta Parisi di Trento.

1923 - 1923 (decorazione volta presbiterio)

Nel 1923 il pittore Francesco Giustiniani decorò la volta del presbiterio.

1960 - 1969 (rifacimento pavimentazione)

La pavimentazione della chiesa venne rinnovata nel corso del settimo decennio del XX secolo.

1977 - 1977 (decorazione volta navata)

Nel 1977 venne realizzata la decorazione a tempera della volta della navata.

1995 - 1995 (ristrutturazione intero bene)

Nel 1995 vennero eseguiti importanti lavori di ristrutturazione della chiesa, che interessarono in particolare il rifacimento della struttura lignea del tetto, il risanamento delle malte esterne e la pulitura degli apparati lapidei esterni. I lavori vennero eseguiti dalla ditta Berlanda. Nello stesso anno si è povveduto alla tinteggiatura degli esterni.

2004 - 2004 (tinteggiatura interni)

Gli interni sono stati tinteggiati nel 2004 a conclusione dei lavori di restauro degli arredi lapidei e dei dipinti della chiesa.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Via S. Michele Mezzocorona (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via Roma 32 Dro

Localita' Podera 3 38033 Cavalese