Chiese in Provincia di Trento - città di Andalo: Chiesa dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia Martiri

Chiesa dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia Martiri
santi Vito, Modesto e Crescenza Ss. VITO, MODESTO e CRESCENZIA martiri

TRENTO / ANDALO
via don Faustino Tenaglia - Andalo (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
Orientata a sud-est, la parrocchiale vecchia di Andalo, dedicata ai Santi Vito, Modesto e Crescenzia, si erge in posizione elevata al centro dell’abitato, realizzata ex novo da Antonio Cometti con il suo socio stuccatore Pietro Bianchi tra il 1782 e il 1783, in sostituzione della prima chiesa troppo angusta. La facciata a due spioventi è ripartita in nove settori da un motivo a reticolo determinato dall'incrocio di lesene e cornici lisce; nei settori centrali inferiore e mediano si aprono... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Orientata a sud-est, la parrocchiale vecchia di Andalo, dedicata ai Santi Vito, Modesto e Crescenzia, si erge in posizione elevata al centro dell’abitato, realizzata ex novo da Antonio Cometti con il suo socio stuccatore Pietro Bianchi tra il 1782 e il 1783, in sostituzione della prima chiesa troppo angusta. La facciata a due spioventi è ripartita in nove settori da un motivo a reticolo determinato dall'incrocio di lesene e cornici lisce; nei settori centrali inferiore e mediano si aprono rispettivamente il portale maggiore timpanato elevato di due gradini e una finestra a profilo mistilineo, mentre i settori laterali mediani ospitano due nicchie centinate vuote. Le fiancate si caratterizzano per la presenza su ciascuna di tre finestre mistilinee, due nella navata e una nel presbiterio, e sono scandite da una serie di lesene intonacate; emergono simmetricamente i corpi rettangolari con gli angoli smussati corrispondenti alle cappelle e gli ambienti di servizio, più bassi (la sacrestia finestrata sul lato destro, l’ambiente adibito a deposito su quello sinistro). Il campanile si eleva a sinistra della chiesa, leggermente arretrato rispetto alla facciata: è caratterizzato da un’alta scarpa intonacata con cantonali sfalsati in pietra a vista e dall’accesso indipendente sul lato sud-est; il fusto è diviso in tre tronconi da cornici orizzontali, forato da feritoie e dotato di quadranti di orologio sommitali su ogni lato. Quattro monofore centinate allungate si aprono sui lati maggiori della cella ottagonale irregolare; la copertura piramidale a più falde è sormontata da globo e croce apicale. L’ingresso secondario della chiesa, con portale cinquecentesco reimpiegato, si trova sul lato sinistro, nel settore tra la prima e la seconda campata; l’abside rettangolare è cieca, con gli angoli smussati e marcata da lesene intonacate. All’interno la navata unica è divisa in due campate da paraste specchiate a finto marmo con capitelli compositi in stucco, raccordate dal cornicione corrente plurimodanato che sorregge le arcate longitudinali e trasversali; la seconda campata è sfondata sui fianchi da una coppia di cappelle a pianta rettangolare, ospitanti gli altari minori. L'arco santo a pieno centro introduce al presbiterio, elevato di due gradini e chiuso dalle balaustre; anch’esso, come l'abside rettangolare con gli angoli smussati, riprende il motivo delle paraste specchiate e condivide il marcapiano corrente. Oltre alle decorazioni in stucco tardo settecentesche di Pietro Bianchi l’interno conserva dipinti murali di Matteo Tevini al centro delle volte a vela della navata e sulla parete di fondo dell’abside.

Pianta

Navata a pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale, caratterizzata dall’emergere di due cappelle simmetriche a pianta rettangolare con gli angoli smussati; presbiterio a pianta rettangolare con asse maggiore trasversale, concluso da breve abside a pianta rettangolare dagli angoli smussati.

Facciata

Facciata a due spioventi intonacata e tinteggiata, ripartita in nove settori da un motivo a reticolo determinato dall'incrocio di lesene e cornici lisce. Nei settori centrali inferiore e mediano si aprono rispettivamente il portale maggiore timpanato elevato di due gradini e una finestra a profilo mistilineo, mentre i settori laterali mediani ospitano due nicchie centinate vuote. Zoccolo di base in porfido.

Prospetti

Fiancate caratterizzate dalla presenza su ciascuna di tre finestre mistilinee, due nella navata e una nel presbiterio, e scandite da una serie di lesene intonacate; emergono simmetricamente i corpi rettangolari con gli angoli smussati corrispondenti alle cappelle e gli ambienti di servizio, più bassi (la sacrestia finestrata sul lato destro, l’ambiente adibito a deposito su quello sinistro). L’ingresso secondario con portale cinquecentesco reimpiegato si trova sul lato sinistro, nel settore tra la prima e la seconda campata. Abside rettangolare cieca, anch’essa con gli angoli smussati e marca

1504/06/15 - 1504/06/15 (menzione carattere generale)

La presenza ad Andalo di una chiesa dedicata ai Santi Vito, Modesto e Crescenzia, dipendente dalla pieve di Banale e dotata di cimitero, è documentata dalla pergamena del 15 giugno 1504 che attesta l’avvenuta consacrazione di un altare laterale in onore di Sant’Antonio, ad opera del vescovo suffraganeo Francesco De la Chiesa. Il primo edificio, che doveva dunque risalire alla seconda metà del XV secolo, si trovava in località Puel (oggi Maso Doss, presso Maso Toscana).

1536 - 1536 (ampliamento intero bene)

La prima chiesa, che doveva essere originariamente di dimensioni ridotte, venne ampliata o ricostruita intorno al 1536, come testimonia l’iscrizione incisa sull’architrave del portale lapideo, rimontato sul fianco sinistro dell’edificio attuale. Il campanile fu dotato inoltre di una nuova campana, finanziata da Ottaviano Concini, capitano di Belfort. La visita pastorale clesiana del 1537 nomina la chiesa con la titolazione a San Paolo.

1574/09/07 - 1574/09/07 (consacrazione carattere generale)

L’edificio rinnovato e tre altari (il maggiore dedicato ai santi Vito, Modesto e Crescenzia, l’altare sinistro a Sant’Antonio e quello destro alla Madonna) vennero consacrati dal vescovo Gabriele Alessandri, suffraganeo e vicario generale del cardinale Ludovico Madruzzo, il 7 settembre 1574.

1574/09/08 - 1574/09/08 (erezione a curazia unita carattere generale)

Il giorno successivo le due comunità di Andalo e di Molveno ottennero l’erezione a curazia unita della pieve di Banale, con sede a Molveno.

1580 - 1580 (apertura finestra facciata)

La visita pastorale del 1580 ordinò di aprire una finestra in facciata, a fianco della porta d’ingresso, per permettere ai fedeli di vedere l’interno, dato cha solitamente la chiesa era chiusa.

1652/10/14 - 1652/10/14 (erezione a curazia di secondo ordine carattere generale)

Il 14 ottobre 1652, con decreto del principe vescovo di Trento Carlo Emanuele Madruzzo, Andalo fu eretta a curazia di secondo ordine, dipendente da quella di primo ordine con sede a Molveno. Le due comunità si accordarono per il mantenimento ciascuna di un proprio sacerdote.

1669 - 1669 (concessione del fonte battesimale carattere generale)

Risale al 1669 la concessione alla chiesa di Andalo del proprio fonte battesimale.

1671/07/09 - 1671/07/09 (erezione a curazia autonoma carattere generale)

L’erezione a curazia autonoma avvenne finalmente il 9 luglio 1671.

1782/03/23 - 1783 (ricostruzione intero bene)

A seguito dell’aumento demografico del paese, il 23 marzo 1782 il comune di Andalo stabilì di erigere una nuova chiesa, nel luogo designato dal maestro costruttore Antonio Cometti con il suo socio stuccatore Pietro Bianchi, in posizione centrale ed elevata presso Maso Fovo; i maestri muratori furono Francesco Carzani e Antonio Giusdas, entrambi comaschi di Lenno. Tutti gli abitanti dei masi si autotassarono per finanziare l’impresa. Sempre nel 1782 le due curazie di Andalo e Molveno furono rese indipendenti dal pievano di Banale, che dovette cedere ogni entrata in quei distretti.

1783/11/09 - 1783/11/09 (benedizione carattere generale)

La nuova costruzione venne benedetta dal pievano del Banale, don Bernardino Pasio, il 9 novembre 1783.

1811 - 1826 (cambio di giurisdizione carattere generale)

Nel 1811 i distretti di Andalo e Molveno furono uniti alla Giudicatura di Denno e aggregati nello spirituale alla parrocchia di Spormaggiore; nel 1826 Andalo fu associato al decanato di Mezzolombardo.

1869 - 1869 (costruzione cimitero)

Il nuovo camposanto a fianco della chiesa risale al 1869.

1874/07/06 - 1874/07/06 (consacrazione carattere generale)

La consacrazione del tempio avvenne solamente il 6 luglio 1874, ad opera del vescovo Benedetto Riccabona de Reichenfels.

1915 - 1918 (danneggiamento campanile)

Durante la prima guerra mondiale il campanile venne danneggiato.

1926 - 1932 (ristrutturazione e decor

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Via Alfieri Trento Città (Tn)

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via Fiamme Gialle 76 38037 Predazzo

Via Milano 4/5 38017 Mezzolombardo