Chiese in Provincia di Trento - città di Carisolo: Chiesa dell'Ausiliatrice

Chiesa dell'Ausiliatrice
Madonna del Potere Santuario della Beata Vergine del Potere Santuario della Madonna Ausiliatrice (Beata Vergine del

TRENTO / CARISOLO
via Negrelli - Carisolo (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa dell'Ausiliatrice, comunemente nota come santuario della Madonna del Potere, sorge all'imbocco della Val Genova con orientamento a ovest. L'edificio, costruito tra il 1804 e il 1825 a partire da un'edicola affrescata risalente al XVI secolo, ora murata a destra dell'arco santo, ha una semplice facciata a due spioventi, delimitata lateralmente da lesene lisce raccordate in alto a una cornice che segue l'andamento dell'attacco al cielo. Lo zoccolo in intonaco grezzo è interrotto al... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa dell'Ausiliatrice, comunemente nota come santuario della Madonna del Potere, sorge all'imbocco della Val Genova con orientamento a ovest. L'edificio, costruito tra il 1804 e il 1825 a partire da un'edicola affrescata risalente al XVI secolo, ora murata a destra dell'arco santo, ha una semplice facciata a due spioventi, delimitata lateralmente da lesene lisce raccordate in alto a una cornice che segue l'andamento dell'attacco al cielo. Lo zoccolo in intonaco grezzo è interrotto al centro dal portale affiancato da due finestrelle, oltre il quale si apre un'ampia finestra a centina ribassata. Le fiancate, lisce, presentano ciascuna una finestra rettangolare. Un piccolo campanile in legno insiste sulla falda sinistra del tetto. All'interno la controfacciata e le pareti laterali della navata unica sono sfondate da arcate a pieno centro impostate su pilastri. Il presbiterio, rialzato su un gradino, è introdotto dall'arco santo centinato e si conclude in un'abside semicircolare. Un cornicione marcapiano modanato e dentellato, eminente in corrispondenza dei pilastri e delle lesene, percorre l'intero perimetro e conferisce unitarietà agli interni.

Preesistenze

A destra dell'arco santo è visibile l'edicola mariana cinquecentesca che fu inglobata nella struttura della chiesa.

Pianta

Pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale. Presbiterio rettangolare concluso da abside semicircolare.

Facciata

Facciata a due spioventi con angoli arrotondati, delimitata lateralmente da lesene lisce, raccordate in alto da cornici lisce che seguono il profilo dell'attacco al cielo. Zoccolo in intonaco grezzo, interrotto al centro dal portale a stipiti lisci, al quale si affiancano due finestre rettangolari. Un'ulteriore finestra a centina ribassata si apre al centro della facciata.

Prospetti

Fiancate laterali articolate simmetricamente, percorsi in basso da uno zoccolo in intonaco grezzo, interrotte al centro da una finestra rettangolare. A sinistra del presbiterio emerge il corpo della sacrestia.

Campanile

Piccola torre a pianta quadrangolare, con struttura lignea, insistente sulla falda sinistra del tetto. Cella campanaria illuminata da quattro monofore centinate, sovrastata da una copertura a piramide.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame finite a intonaco tinteggiato. Strutture di orizzontamento: navata sormontata da volta a padiglione; presbiterio voltato a botte unghiata; catino absidale.

Coperture

Chiesa: sulla navata tetto a doppia falda, con struttura lignea e manto di copertura in tegole in laterizio; sul presbiterio tetto a doppia falda che gira a semicono sull'abside, con struttura in legno e manto di copertura in lamiera metallica (rame). Campanile: copertura a piramide con manto in lamiera metallica.

Interni

Navata unica quadrangolare ad angoli smussati, ribassata rispetto al livello stradale, rischiarata da finestre lunettate aperte al di sopra del cornicione. La controfacciata e le pareti laterali sono sfondate da arcate a pieno centro impostate su pilastri. Presbiterio rialzato su un gradino, introdotto da arco santo a tutto sesto; abside evidenziata da due lesene intonacate. Le pareti della navata e del presbiterio recano un rivestimento in listelli di legno per un'altezza di circa un metro. Un cornicione marcapiano modanato e dentellato, eminente in corrispondenza dei pilastri e delle lesene, percorre l'intero perimetro.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in seminato alla veneziana nella navata e nel presbiterio.

Elementi decorativi

La decorazione della chiesa è composta da un affresco dell'edicola preesistente alla chiesa, ora murata a destra dell'arco santo, e da dipinti murali eseguiti a tempera sulla volta della navata e del presbiterio. Iscrizioni dipinte a tempera sono presenti sulla facciata.

XVI - XVI (costruzione preesistenze)

Sul luogo in cui sorge la chiesa esisteva un'edicola cinquecentesca dedicata alla Madonna, poi inglobata nella struttura della chiesa.

1804 - 1825 (costruzione intero bene)

L'edificio venne edificato tra il 1804 e il 1825.

1825 - 1825 (concessione indulgenza plenaria carattere generale)

Nel 1825 Leone XII concesse l'indulgenza plenaria a coloro che avessero visitato la chiesa in occasione delle sette festività mariane dell'anno liturgico.

1899 - 1899 (restauro intero bene)

Un primo restauro venne effettuato nel 1899.

1907 - 1907 (benedizione carattere generale)

La benedizione dell'edificio risale al 1907.

1909 - 1909 (restauro intero bene)

Nel 1909 furono condotti imprecisati lavori di restauro.

1955 - 1955 (restauro intero bene)

La chiesa fu restaurata nel 1955.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

38057 Trento

15 Via Trento 38027 Male'