Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa di Santa Giustina

Chiesa di Santa Giustina
S. GIUSTINA vergine e martire S. Giustina

TRENTO
Balbido, Bleggio Superiore (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
Una stradina laterale che dall'ingresso del paese scende sulla sinistra, nella campagna, conduce alla parrocchiale di Balbido, isolata e affiancata dal camposanto. La prima menzione di un edificio sacro dedicato a Santa Giustina risale alla visita pastorale del 1537; tuttavia la chiesa attuale è frutto dell'ampliamento del 1648 promosso da Antonio Crosina, principe vescovo di Bressanone e autorevole esponente di una famiglia padovana, esule nel Bleggio al tempo di Ezzelino da Romano. Tale... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Una stradina laterale che dall'ingresso del paese scende sulla sinistra, nella campagna, conduce alla parrocchiale di Balbido, isolata e affiancata dal camposanto. La prima menzione di un edificio sacro dedicato a Santa Giustina risale alla visita pastorale del 1537; tuttavia la chiesa attuale è frutto dell'ampliamento del 1648 promosso da Antonio Crosina, principe vescovo di Bressanone e autorevole esponente di una famiglia padovana, esule nel Bleggio al tempo di Ezzelino da Romano. Tale ampliamento comportò il mutamento dell'orientamento dell'edificio, non più rivolto con l'abside ad est, ma a sud, sfruttando la conformazione del terreno disponibile. Nella semplice facciata a due spioventi si apre il portale architravato con frontone triangolare staccato e oculo; lungo fianchi si trovano due cappelle a pianta rettangolare, un ingresso e la sacrestia (a sinistra) e il campanile in pietra a vista con bifore a luci rettangolari (a destra). L'interno è a navata unica, divisa in due campate delimitate da arcate a pieno centro, così come l'ingresso alle cappelle e al presbiterio, elevati di un gradino. Dietro l'altare maggiore si conclude l'abside poligonale. Tutte le volte e l'arco santo sono ornati da tempere di Agostino Aldi del 1929. La chiesa, più volte oggetto di furti tra il 1972 e il 1980, è officiata nel periodo estivo.

Preesistenze

Il fusto del campanile fa parte della chiesa precedente.

Pianta

Pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale.

Facciata

Facciata a due spioventi; portale architravato, sormontato da frontone triangolare con cornice modanata e oculo strombato. Lapide sepolcrale murata in basso a sinistra; finiture a intonaco tinteggiato.

Prospetti

Fiancate marcate ciascuna da un contrafforte e da una cappella emergente e illuminate da due monofore, l'una nella prima campata, l'altra nel presbiterio; un ingresso laterale e la sacrestia sul lato sinistro, il campanile su quello destro. Finiture a intonaco tinteggiato.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare in pietra a vista sul lato destro, in prossimità del presbiterio. Cella campanaria delimitata da cornici aggettanti, illuminata da quattro bifore a luci rettangolari, separate da colonnine. Tetto a quattro falde e croce apicale.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame. Strutture di orizzontamento: volte a crociera in muratura per la navata e la cappella sinistra, a botte unghiata per la cappella destra e a vele per il presbiterio.

Coperture

Tetto a due spioventi sulla navata maggiore e sul presbiterio, a spiovente unico sopra la sacrestia. Struttura portante in legno; manto di copertura in coppi, anche sul campanile.

Interni

Navata unica divisa in due campate, separate da pilastri addossati sorreggenti arcate a pieno centro; nella seconda campata si aprono due cappelle a pianta rettangolare elevate di un gradino, precedute da arcate a pieno centro, di cui la destra di maggiori dimensioni, con la scala di accesso al pulpito. Presbiterio elevato di un gradino, anch'esso preceduto da un'arcata, concluso da abside poligonale. Finiture a intonaco tinteggiato.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento della navata e dell'abside a mattonelle quadrate di cotto, a corsi diagonali; pavimento del presbiterio a mattonelle in cemento rosse e nere, in corsi diagonali. Pavimento della cappella sinistra a mattonelle di cemento nere, rosse e gialle con effetto a cubi prospettici.

Elementi decorativi

Dipinti murali figurati a tempera sulle volte e sull'arco santo.

1537/04/16 - 1537/04/16 (menzione carattere generale)

Secondo Caldera (1989), la prima menzione di un edificio sacro a Balbido, dedicato alla Santissima Trinità, risalirebbe al testamento del suo primo benefattore, Pietro Crosina, del 1360. La chiesa è ricordata con l'intitolazione a Santa Giustina dalla visita pastorale del 16 aprile 1537.

1616/04/26 - 1616/04/26 (consacrazione carattere generale)

La chiesa fu consacrata il 26 aprile 1616.

1648 - 1648 (ampliamento intero bene)

Nel 1648 il primo edificio venne ampliato con il contributo della famiglia Crosina (in particolare di Antonio, principe vescovo di Bressanone) e mutò l'orientamento, da est a sud.

1678/01/28 - 1678/01/28 ( erezione a primissaria curata carattere generale)

L'erezione a primissaria curata della pieve di Bleggio risale al 28 gennaio 1678.

1901 - 1901 (ristrutturazione intero bene)

Nel 1901 la chiesa venne ristrutturata.

1929 - 1929 (decorazione interno)

Nel 1929 il pittore Agostino Aldi ornò le volte di navata, cappelle e presbiterio e dell'arco santo con dipinti murali figurati a tempera.

1959/12/03 - 1959/12/03 (erezione a parrocchia carattere generale)

L'erezione a parrocchia risale al 3 dicembre 1959.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Via Alfieri Trento (Tn)

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Viale Tigli 21/D Riva Del Garda

Localita' Podera 3 38033 Cavalese

Snc, Piazza Iv Novembre Snc Strigno