Chiese in Provincia di Trento - città di : Cappella dei Sette dolori della Beata Maria Vergine

Cappella dei Sette dolori della Beata Maria Vergine
Madonna Addolorata Chiesa dei Sette Dolori della Beata Maria Vergine Sette dolori della BMV

TRENTO
Trambileno (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: cappella
Edificata nel 1704 dal nobile roveretano Arcangelo Tabarini, allora proprietario dell'attiguo maso, la cappella dei Sette Dolori della Beata Maria Vergine sorge nell'isolata località di Pian del Levro, con orientamento a sud-est. L'edificio, addossato al maso di pertinenza sul lato sinistro, deve il suo attuale aspetto al radicale intervento di restauro condotto nel 1996, in seguito al quale i prospetti originariamente intonacati, furono rivestiti in pietra a vista. La facciata a due... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Edificata nel 1704 dal nobile roveretano Arcangelo Tabarini, allora proprietario dell'attiguo maso, la cappella dei Sette Dolori della Beata Maria Vergine sorge nell'isolata località di Pian del Levro, con orientamento a sud-est. L'edificio, addossato al maso di pertinenza sul lato sinistro, deve il suo attuale aspetto al radicale intervento di restauro condotto nel 1996, in seguito al quale i prospetti originariamente intonacati, furono rivestiti in pietra a vista. La facciata a due spioventi è occupata dall'apertura del portale architravato, affiancato a sinistra da una piccola finestra quadrangolare e sormontato da una nicchia dipinta. La fiancata destra reca una sola finestra centrale. Sulla falda destra del tetto è presente un campaniletto in pietra a vista, con cella a quattro monofore centinate. L'interno ad aula unica voltata a botte unghiata è stato interamente affrescato da Fabio Nones (1996).

Pianta

Pianta rettangolare.

Facciata

Facciata a due spioventi, interamente rivestita in pietra a vista, protetta dalle falde eminenti del tetto e occupata dall'apertura del portale architravato, affiancato a sinistra da una piccola finestra quadrangolare e sormontato da una nicchia dipinta.

Prospetti

Fiancata sinistra addossata alla struttura del maso. Fiancata destra interamente rivestita in pietra a vista, al centro della quale si colloca una finestra quadrangolare.

Campanile

Torretta a pianta quadrangolare, in pietra a vista, illuminata da quattro monofore centinate, innestata sulla falda destra del tetto, in corrispondenza con la facciata. Copertura piramidale.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature in pietrame rivestite in pietra a vista (esterno) e intonacate e tinteggiate (interno). Strutture di orizzontamento: aula coperta da volta a botte unghiata.

Coperture

Tetto a doppia falda con struttura in legno e manto di copertura in coppi.

Interni

Interno ad aula unica con pareti lisce.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in mattonelle di ceramica.

Elementi decorativi

Le pareti e la volta della cappella sono interamente coperte da un ciclo di scene bibliche dipinte a fresco.

1704 - 1704 (costruzione intero bene)

La cappella dei Sette dolori della Beata Maria Vergine a Pian del Levro venne edificata dal nobile roveretano Arcangelo Tabarini, proprietario dell'attiguo maso, nel 1704. L'occasione dell'erezione va ricondotta al concomitante avvio al sacerdozio del figlio del committente, Antonio Tabarini.

1705/07/26 - 1705/07/26 (benedizione carattere generale)

La cappella, definita "chiesa" nei documenti settecenteschi, venne benedetta dall'arciprete di Lizzana, Giovanni Paglia, il 26 luglio 1705. Fin dal momento della benedizione la cappella fu aperta pubblicamente al culto.

1750 - 1750 (descrizione intero bene)

Secondo il resoconto dei visitatori vescovili del 1750, la cappella si trovava allora in condizioni miserevoli, con la volta cadente e il tetto intaccato dalle infiltrazioni. L'unico altare presente aveva la mensa portatile e raramente veniva officiata. Mancavano inoltre i paramenti liturgici e il calice e la patena erano stati rubati. In conseguenza a tale resoconto dalla curia principesco vescovile di Trento arrivò l'ordine perentorio di sistemare il tempio entro un anno, pena la sospensione dal culto. Si ignora se i lavori di sistemazione siano poi stati eseguiti.

1792 - 1850 (cambio di dedicazione carattere generale)

La cappella cambiò intitolazione tra il 1750 e il 1792; a partire da questa data e almeno fino al 1850 è infatti documentata la dedicazione a Sant'Anna.

1796 - 1851 (passaggi di proprietà intero bene)

In seguito alla morte di Margherita Tabarini, nipote di Arcangelo e ultima esponente della familglia, il maso e la cappella al Pian del Levro passarono in eredità prima alla famiglia Bressanini (1796 circa) e poi ad Antonio Simonini di Serravalle, il quale è indicato come proprietario negli atti visitali del 1827. In seguito la proprietà passò al capo comune di Boccaldo, Gian Battista Marisa, al quale risulta assegnata nel 1851.

1995/12/06 - 1997/11/20 (passaggio di proprietà intero bene)

In epoca imprecisata la cappella e il maso furono acquistati dai mezzadri del luogo e la proprietà si parcellizzò. Cominciò così un periodo di decadenza del sito, che portò alla rovina del maso e della chiesetta. Il 6 dicembre 1995 gli ultimi proprietari della cappella (famiglie Sannicolò, Lanaro e Bisoffi) la donarono alla parrocchia di San Valentino di Vanza (Trambileno) (diritto di proprietà intavolato il 20/11/1997).

1996 - 1996 (restauro intero bene)

In seguito alla donazione il maso e la chiesetta furono restaurati nel 1996. Gli interventi, eseguiti da volontari locali (gruppo Alpini di Vanza; volontari del comune di Trambileno; gruppo guidato da don Gianni Tomasi), riguardarono in particolare il rifacimento del tetto, la ristrutturazione delle strutture murarie, il rivestimento esterno in pietra a vista.

1996 - 1996 (decorazione interno)

L'interno della cappella è stato interamente decorato da Fabio Nones nel 1996.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Via S. Michele Mezzocorona (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Snc, Borgo Valsugana Snc Strigno

Viale Stazione 25 Levico Terme

Viale Degasperi 92 38023 Cles