Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa della Madonna di Loreto

Chiesa della Madonna di Loreto
S. Maria Lauretana

TRENTO
Piazzola, Rabbi (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa intitolata alla Madonna di Loreto sorge con orientamento a nord al centro del piccolo abitato di Piazzola, su uno stretto terrazzo. Un edificio sacro era stato in precedenza eretto nel 1748, ma quello attuale si deve alla ricostruzione del 1836. La facciata a capanna è ripartita da lesene interotte da una fascia orizzontale. Il campanile si erge sul lato orientale terminante in una copertura piramidale. L'interno si articola in una navata unica suddivisa in tre campate, coperte da... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa intitolata alla Madonna di Loreto sorge con orientamento a nord al centro del piccolo abitato di Piazzola, su uno stretto terrazzo. Un edificio sacro era stato in precedenza eretto nel 1748, ma quello attuale si deve alla ricostruzione del 1836. La facciata a capanna è ripartita da lesene interotte da una fascia orizzontale. Il campanile si erge sul lato orientale terminante in una copertura piramidale. L'interno si articola in una navata unica suddivisa in tre campate, coperte da volta a botte lunettata, sulla quale si affacciano due cappelle laterali, una delle quali in comunicazione con un ambiente rettangolare. Il presbiterio è concluso da un'abside semicircolare; entrambi recano dipinti murali novecenteschi.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale, con due cappelle laterali a pianta rettangolare (quella di sinistra unita ad un ambiente a sua volta rettangolare); presbiterio rettangolare con abside semicircolare.

Facciata

Facciata a capanna ripartita verticalmente da quattro lesene (bianche su sfondo rosa), interotte orizzontalmente da una fascia, delimitante alla sommità uno spazio triangolare tra gli spioventi. I settori laterali sono occupati da finestre rettangolari, mentre quello centrale dal portale architravato, sovrastato da un'ampia finestra rettangolare.

Prospetti

Fiancata orientale caratterizzata dall'emergere del volume del campanile e quello della cappella laterale; quello opposto interamente occupato all'altezza della navata dalla mole della cappella laterale e dell'ambiente laterale.

Campanile

Scarpa eminente in pietra a vista; fusto in pietrame intonacato ripartito da una cornice marcapiano; alla sommità cella campanaria racchiusa tra cornici modanate, aperta da finestre centinate. Cuspide piramidale rivestita da tegole lignee.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura di pietrame intonacata all'esterno e all'interno; strutture di orizzontamento: volta a botte unghiata nelle tre campate della navate; volta a botte nelle due cappelle laterali; cupola su quattro pennacchi nel presbiterio e catino absidale.

Coperture

Tetto ricoperto da tegole lignee a due falde sulla navata e a più falde sull'abside.

Interni

Navata unica ripartita in tre campate da arcate trasversali a tutto sesto, poggianti su paraste dotate di capitelli ionici, al di sopra delle quali corre un cornicione che si sviluppa lungo l'intero perimetro: le prime due campate accolgono lateralmente delle nicchie poco profonde centinate (la prima è occupata in alzato da una vasta cantoria); la terza campata è aperta da arcate a pieno centro longitudinali che introducono due cappelle laterali a pianta rettangolare (quella sinistra è illuminata da una finestra lunettata e collegata tramite un fornice rettangolare ad un ambiente con funzione di cappella feriale). L'arco santo a tutto sesto precede il presbiterio sopraelevato su due gradini concluso dall'abside: lungo le pareti prosegue la teoria di paraste e si aprono due finestre lunettate speculari.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in mattonelle di cotto nella navata; in pietra nel presbiterio.

Elementi decorativi

Dipinti murali sulla cupola del presbiterio e nel catino absidale.

1748 - 1748 (costruzione preesistenze)

La primitiva chiesa di Piazzola fu eretta nel 1748, intitolata a San Giovanni Nepomuceno e San Pantaleone.

1754 - 1754 (consacrazione carattere generale)

La consacrazione del primo edificio avvenne nel 1754.

1754 - 1784 (danneggiamento intero bene)

La chiesa settecentesca fu danneggiata da un incendio prima del 1784.

1784 - 1784 (ristrutturazione intero bene)

L'edificio danneggiato fu ristrutturato nel 1784.

1784/06/19 - 1784/06/19 (erezione a curazia carattere generale)

Il 19 giugno 1784, la chiesa originaria appena restaurata divenne curazia di San Bernardo di Rabbi, nella pieve di Malé.

1836 - 1836 (riedificazione intero bene)

L'edificio settecentesco fu riedificato nel 1836 dal costruttore Bartolomeo Podetti.

1838/05/13 - 1838/05/13 (consacrazione carettere generale)

La nuova chiesa fu consacrata il 13 maggio 1838: in questa occasione l'originale intitolazione a San Giovanni Nepomuceno e San Pantaleone fu cambiata per dedicarla alla Madonna di Loreto.

1906 - 1906 (decorazione cupola)

La cupola fu ornata da dipinti murali nel 1906, realizzati da padre Nazario Barcatta.

1919/08/01 - 1919/08/01 (erezione a parrocchia carattere generale)

La curaziale divenne parrocchiale il primo agosto 1919.

1951 - 1951 (decorazione catino absidale)

Nel 1951 il pittore Giuseppe Valerio Egger ornò il catino absidale.

1976 - 1976 (realizzazione pavimento)

Nel 1976 fu realizzata la nuova pavimentazione in mattonelle di cotto.

1983 - 1983 (restauro intero bene)

Nel 1983 l'esterno della chiesa fu restaurato con il rinnovamento degli intonaci.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Alfieri Trento (Tn)

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via G. Garibaldi 202 Storo

Via Trento 51/A/B 38023 Cles