Chiese in Provincia di Trento - città di : Cappella dell'Addolorata

Cappella dell'Addolorata
Santa Maria Addolorata

TRENTO
Dercolo, Campodenno (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: cappella
Orientata ad ovest e oggi alcuni metri sotto il livello della strada provinciale 73 della Val di Non, che le passa davanti, la cappella dell’Addolorata in località Crescino (o Cressino) fu eretta nel 1843 per volere di Bartolomeo Pezzi, che ne sostenne personalmente le spese. La facciata è serrata tra due paraste intonacate, raccordate orizzontalmente da un cornicione; al centro si apre il portale architravato con cornice eminente, tra due finestre quadrate con profili in pietra calcarea. Il... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Orientata ad ovest e oggi alcuni metri sotto il livello della strada provinciale 73 della Val di Non, che le passa davanti, la cappella dell’Addolorata in località Crescino (o Cressino) fu eretta nel 1843 per volere di Bartolomeo Pezzi, che ne sostenne personalmente le spese. La facciata è serrata tra due paraste intonacate, raccordate orizzontalmente da un cornicione; al centro si apre il portale architravato con cornice eminente, tra due finestre quadrate con profili in pietra calcarea. Il frontone triangolare è interrotto alla base e ospita una scultura centrale fissata ad una mensola. Le fiancate simmetriche sono dotate ciascuna di una finestra a lunetta, mentre il presbiterio rientrante a pianta rettangolare è cieco. Un campaniletto a vela intonacato e tinteggiato si innesta sul colmo del tetto a due spioventi, leggermente rientrato rispetto alla facciata; è attraversato da un’apertura centinata ospitante una campanella e reca sopra le falde un imponente globo, la bandierina segnavento e la croce apicale raggiata. All’interno la semplice navata unica coperta da volta a crociera è caratterizzata dalla presenza in controfacciata della cantoria in muratura con parapetto e scaletta d’accesso in legno. Il breve presbiterio rientrante è elevato di un gradino; dipinti murali novecenteschi figurati e non ne ornano le lunette sommitali e la volta a botte unghiata, oltre che il colmo dell’arco santo a pieno centro.

Pianta

Navata a pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale; presbiterio a pianta rettangolare con asse maggiore trasversale.

Facciata

Facciata serrata tra due paraste intonacate, raccordate orizzontalmente da un cornicione; al centro si apre il portale architravato con cornice eminente, tra due finestre quadrate con profili in pietra calcarea. Frontone triangolare interrotto alla base; scultura centrale fissata ad una mensola. Finiture a intonaco tinteggiato; zoccolo di base a intonaco rustico.

Prospetti

Fiancate simmetriche dotate ciascuna di una finestra a lunetta; presbiterio rettangolare rientrante cieco. Finiture a intonaco tinteggiato; zoccolo di base in porfido.

Campanile

Campaniletto a vela intonacato e tinteggiato innestato al colmo della copertura, leggermente rientrato rispetto alla facciata, attraversato da un’apertura centinata e ospitante una campanella; tettuccio a due spioventi sormontata da un imponente globo, dalla bandierina segnavento e dalla croce apicale raggiata.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame; strutture di orizzontamento: navata coperta da volta a crociera, presbiterio da volta a botte unghiata.

Coperture

Tetto a due spioventi sopra navata e presbiterio, con struttura portante in legno e manto di copertura in tegole di laterizio.

Interni

Semplice navata unica con la cantoria in muratura con parapetto e scaletta d’accesso in legno in controfacciata. Breve presbiterio rientrante elevato di un gradino e accessibile dall’arco santo a pieno centro. Finiture a intonaco tinteggiato, ove non vi siano dipinti murali; marcapiano corrente modanato e rivestimento della zona inferiore delle pareti in perline.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento della navata in legno; pavimento del presbiterio in tapiflex color beige a moduli quadrati incorniciati da fasce marroncine, ad imitazione delle piastrelle in ceramica.

Elementi decorativi

Dipinti murali sia figurati che a motivi decorativi ornano la volta e le lunette del presbiterio, oltre che la sommità dell’arco santo.

1843 - 1843 (costruzione intero bene)

Come documenta la targa murata in facciata, la cappella dell’Addolorata fu costruita nel 1843 da Bartolomeo (“Bartolammio”) Pezzi, che ne sostenne personalmente le spese.

1843 - 1843 (benedizione carattere generale)

Nello stesso anno il parroco di Denno, don Agostino Zuech, benedisse l’edificio come oratorio privato e vi concesse la celebrazione della messa nei giorni feriali. Dotato in seguito di piccoli capitali, gli fu riconosciuto il grado di cappella pubblica.

1935 - 1950 (decorazione interno)

La volta e le lunette delle pareti del piccolo presbiterio e la sommità dell’arco santo furono ornate da dipinti murali presumibilmente nel secondo quarto del Novecento, dopo il 1934, anno di santificazione di Giovanni Bosco, qui raffigurato.

1969 - 1969 (ristrutturazione e adeguamento liturgico interno)

Lavori di ristrutturazione e adeguamento liturgico dell’interno furono realizzati nel 1969 circa.

2000 - 2002 (restauro dipinti murali interno)

Tra il 2000 e il 2002 circa i dipinti murali vennero ritoccati e rinfrescati.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

P.Zza San Gottardo, 18 Mezzocorona

Via S. Giovanni Bosco 7 38016 Mezzocorona

Via C? Rossa 36 Storo