Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa della Madonna della Neve

Chiesa della Madonna della Neve

TRENTO
Obra, Vallarsa (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
Orientata a sud-ovest e affacciata sulla strada che attraversa la frazione di Zendri, la parrocchiale della Madonna della Neve di Obra fu eretta nel 1867; danneggiata durante la prima guerra mondiale, assunse l’aspetto attuale con il risanamento e l’ampliamento del 1924, che aggiunse i corpi laterali simmetrici a sinistra e a destra del presbiterio. La facciata dal profilo cuspidato presenta lo zoccolo di base intonacato a sbriccio, il portale architravato elevato di un gradino, una finestra... Leggi tutto

Dettagli

Orientata a sud-ovest e affacciata sulla strada che attraversa la frazione di Zendri, la parrocchiale della Madonna della Neve di Obra fu eretta nel 1867; danneggiata durante la prima guerra mondiale, assunse l’aspetto attuale con il risanamento e l’ampliamento del 1924, che aggiunse i corpi laterali simmetrici a sinistra e a destra del presbiterio. La facciata dal profilo cuspidato presenta lo zoccolo di base intonacato a sbriccio, il portale architravato elevato di un gradino, una finestra a lunetta e un oculo sommitale che dà luce al sottotetto; le fiancate simmetriche sono forate ciascuna da una finestra a lunetta. Ad esse si innestano i due corpi emergenti che serrano il presbiterio, adibiti a sacrestia (a sinistra) e a cappella laterale con accesso indipendente (a destra); il fronte principale di entrambi ha profilo a due spioventi e le consuete finestre a lunetta. L’abside semicircolare è caratterizzata da una coppia di monofore centinate; le lesene angolari della facciata, delle fiancate e dei corpi emergenti sono dentellate, così come le cornici delle lunette. Il campanile si eleva a sinistra della chiesa, in corrispondenza dell’innesto tra la navata e il presbiterio, con accesso dal lato nord-est: è caratterizzato da fusto intonacato e tinteggiato con alcuni cantonali lasciati in pietra a vista, una monofora centinata per lato nella cella, tiburio quadrangolare rientrante forato da quattro luci circolari e merlatura di coronamento dal profilo a coda di rondine. All’interno la navata unica è formata da un corpo centrale quadrangolare voltato a vela, delimitato sui quattro lati da arcate ribassate sostenute da coppie di paraste; tre gradini conducono al presbiterio, sempre a pianta quadrangolare con volta a vela. Le pareti laterali sono sfondate da arcate che conducono ai corpi emergenti simmetrici; un’ultima arcata trasversale pone il presbiterio in comunicazione con il catino absidale. Modeste decorazioni murali ornano il catino absidale, il sommo dell’arco santo, la volta della navata e l’intradosso delle arcate della zona presbiteriale; un San Cristoforo dipinto sulla facciata da Diego Costa (1939) ricorda i tre anni di esilio subiti dalla popolazione locale, tra il 1916 e il 1919, a Legnago e a Varazze.

Preesistenze

Il corpo principale della chiesa risale al 1867 e precede di quasi 60 anni i corpi laterali simmetrici che affiancano il presbiterio a mo di transetto.

Pianta

Navata a pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale; presbiterio a pianta quadrangolare serrato tra due corpi rettangolari emergenti simmetrici e concluso da abside semicircolare.

Facciata

Facciata dal profilo cuspidato, con zoccolo di base intonacato a sbriccio, portale architravato elevato di un gradino, finestra a lunetta e oculo sommitale che dà luce al sottotetto. Finiture a intonaco tinteggiato; un dipinto murale figurato orna il lato destro; le cornici delle finestre e le lesene laterali sono dentellate.

Prospetti

Fiancate simmetriche forate ciascuna da una finestra a lunetta con cornice dentellata; ad esse si innestano i due corpi emergenti che serrano il presbiterio, adibiti a sacrestia (a sinistra) e a cappella laterale con accesso indipendente (a destra). Entrambi presentano il fronte principale dal profilo a due spioventi, l’uno illuminato da una lunetta e da una finestra rettangolare sottostante, protetta da inferriate, l’altro da un’unica lunetta. L’abside semicircolare è caratterizzata da una coppia di monofore centinate. Finiture a intonaco tinteggiato, lesene angolari delle fiancate e dei corpi emergenti dentellate, zoccolo perimetrale intonacato a sbriccio.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare addossata al fianco sinistro della chiesa, in corrispondenza dell’innesto tra navata e presbiterio, con accesso dal lato nord-est; fusto dotato di feritoie rettangolari, intonacato e tinteggiato, con alcuni cantonali lasciati in pietra a vista. Cella delimitata da cornici orizzontali modanate emerge

1867 - 1867 (costruzione intero bene)

La prima cappella dedicata alla Madonna della Neve, soggetta alla pieve di Lizzana, fu eretta a Zendri, una delle frazioni di Obra, nel 1867.

1867 - 1867 (benedizione carattere generale)

Nello stesso anno l’edificio venne benedetto.

1915 - 1918 (danneggiamento intero bene)

Durante la prima guerra mondiale il paese venne evacuato e la chiesa subì gravi danni.

1924 - 1924 (ampliamento intero bene)

Nel corso del 1924 don Luigi Conta, curato di Riva di Vallarsa e responsabile anche di Obra, fece riparare e ampliare la costruzione, allungando il presbiterio e realizzando il transetto. Presumibilmente a seguito dei lavori egli ottenne per disposizione vescovile di poter officiare regolarmente nella chiesa le sacre funzioni, compresa la messa festiva.

1939 - 1939 (decorazione facciata)

Il pittore trentino Diego Costa ornò nel 1939 con un San Cristoforo la facciata, in memoria dei tre anni di esilio subiti dalla popolazione locale, tra il 1916 e il 1919, a Legnago e a Varazze.

1951/11/21 - 1951/11/21 (erezione a curazia carattere generale)

Per assicurare al paese la presenza stabile di un sacerdote, un anziano contadino, Antonio Broz, nominò la chiesa erede universale di tutte le sue sostanze; in seguito la moglie Luigia fece altrettanto, rinunciando all’usufrutto a favore della chiesa. Grazie a questa donazione, con decreto vescovile del 21 novembre 1951, essa divenne curazia (vicaria curata) della parrocchia di Vallarsa.

1957 - 1957 (ristrutturazione intero bene)

L’edificio sacro venne ristrutturato una prima volta nel 1957.

1959/08/15 - 1959/08/15 (erezione a parrocchia carattere generale)

Il 15 agosto 1959 la chiesa di Obra fu eretta a parrocchia.

1966/02/23 - 1968 (ristrutturazione intero bene)

Tra la primavera del 1966 e l’estate del 1968 l’edificio fu sottoposto ad un intervento di ristrutturazione e adeguamento liturgico, a seguito di una perizia dei lavori da compiere con relazione redatta nel gennaio del 1965 dal geometra Adriano Moscatelli di Rovereto: egli rilevava la necessità di revisionare e in parte sostituire il tetto, rifare gli intonaci esterni ammalorati, stuccare le crepe e restaurare le pitture murali interne ed eseguire la tinteggiatura esterna e interna. Ottenuta l’approvazione condizionata della Soprintendenza nel mese di marzo, il parroco sollecitò l’autorizzazione a procedere da parte della curia con una lettera del 23 febbraio 1966.

1968/08/05 - 1968/08/05 (consacrazione carattere generale)

Al termine dei lavori la chiesa venne consacrata il 5 agosto 1968.

1990 - 2010/05/18 (ristrutturazione interno)

L’attuale adeguamento liturgico ligneo, realizzato con progetto unitario di cui non si ha però documentazione ad eccezione di quella fotografica allegata, dovrebbe risalire al periodo compreso tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo. L’intervento fu probabilmente occasione per ripavimentare il presbiterio, ritinteggiare l’interno e rinnovare l’impianto elettrico e di diffusione audio.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Via S. Michele Mezzocorona (Tn)

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via G. Garibaldi 202 Storo

Via Cere' 14 38068 Rovereto

Via Gerola 17 Trento