Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa di Santa Maria delle Vittorie

Chiesa di Santa Maria delle Vittorie
Chiesa della Madonna della Vittoria Chiesa della Madonna delle Vittorie S. Maria delle Vittorie

TRENTO
via Linfano - Arco (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
Situata nella campagna di Linfano, all'estremità meridionale del territorio del Comune di Arco, la chiesa della Madonna delle Vittorie ricorda probabilmente nel titolo una vittoria militare ottenuta dalla città sulle truppe veneziane che dominarono l'Alto Garda fino al 1509, visto che, secondo una lettera inviata dai consoli al principe vescovo Carlo Gaudenzio Madruzzo nel 1609, già all'inizio del Cinquecento Arco aveva fatto voto di erigere qui un luogo di culto dedicato alla Vergine, che si... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Situata nella campagna di Linfano, all'estremità meridionale del territorio del Comune di Arco, la chiesa della Madonna delle Vittorie ricorda probabilmente nel titolo una vittoria militare ottenuta dalla città sulle truppe veneziane che dominarono l'Alto Garda fino al 1509, visto che, secondo una lettera inviata dai consoli al principe vescovo Carlo Gaudenzio Madruzzo nel 1609, già all'inizio del Cinquecento Arco aveva fatto voto di erigere qui un luogo di culto dedicato alla Vergine, che si accingeva solo allora a terminare. La struttura venne danneggiata durante la prima guerra mondiale e ampliata nell'abside nel 1948. La chiesa, circondata dagli olivi, è orientata a nord-ovest, verso il monte Brione; presenta una facciata a capanna centrata da un oculo cieco affrescato, con due finestre rettangolari poste a sinistra e a destra del portale e tetto a due spioventi. Sul lato sinistro si innesta il campanile a pianta quadrangolare, mentre a destra emerge il volume della sacrestia. All'interno l'unica navata è coperta da una volta a crociera sostenuta da quattro peducci angolari; un'arcata a pieno centro conduce nel presbiterio rettangolare, elevato di un gradino e concluso dal catino absidale. La chiesa è ornata sia in facciata che all'interno da alcuni affreschi coevi alla costruzione attribuiti al pittore trentino Giovanni Antonio Zanoni.

Pianta

Navata a pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale; presbiterio sempre a pianta rettangolare, concluso da abside semicircolare.

Facciata

Facciata a capanna con portale a luce rettangolare serrato tra due finestre anch'esse rettangolari con cornice modanata in pietra. Finiture a intonaco tinteggiato e conci angolari in pietra a vista e oculo centrale cieco incassato, affrescato; tetto a due falde.

Prospetti

Alla fiancata sinistra, illuminata da una monofora centinata in navata e una finestra rettangolare nel presbiterio, si appoggia un'arcata a pieno centro in pietra, posta perpendicolarmente rispetto al muro della chiesa; lungo la fiancata destra emerge il volume della sacrestia.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare intonacata e tinteggiata, innestata alla chiesa sulla fiancata sinistra. Cella campanaria illuminata da una monofora per lato, chiuse da inferriate; tetto a quattro spioventi.

Struttura

Strutture portanti verticali in muratura in pietrame; strutture di orizzontamento: navata coperta da volta a crociera in muratura, presbiterio da tetto a due spioventi in legno; catino absidale in muratura.

Coperture

Manto di copertura in coppi per chiesa e campanile.

Interni

Interno a navata unica, coperta da un'unica crociera sostenuta da quattro peducci angolari; un'arcata a pieno centro con i pilastri e i capitelli in pietra a vista introduce al presbiterio, elevato di un gradino e illuminato da una finestra rettangolare strombata sul lato sinistro, mentre su quello destro si apre il portale che conduce alla sacrestia, sormontato da una nicchia centinata con affresco staccato. Catino absidale. Finiture a intonaco tinteggiato, ove non vi siano pitture murali.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento della navata in mattonelle di cotto disposte a spina di pesce; le stesse mattonelle, disposte in corsi longitudinali, coprono il presbiterio.

Elementi decorativi

Decorazioni ad affresco coeve alla costruzione ornano la facciata, la sommità dell'arco santo e la nicchia sopra l'accesso alla sacrestia (affresco staccato).

XV - XVI (inizio lavori intero bene)

Nel 1609 i consoli di Arco chiesero al principe vescovo Carlo Gaudenzio Madruzzo di poter terminare la costruzione di una chiesa dedicata alla Madonna in località Linfano, la cui costruzione era "principiata, et quasi compiuta" più di cento anni prima, quindi all'inizio del Cinquecento o alla fine del Quattrocento, per sciogliere un voto fatto dalla comunità.

1626 - 1627 (completamento intero bene)

La data del 1626, incisa sul portale di accesso alla sacrestia e sull'affresco dell'arco santo, indica che i lavori erano quasi ultimati, ma non ancora conclusi, secondo alcuni documenti conservati presso l'Archivio del Comune di Arco che registrano problemi finanziari. L'edificio doveva essere definitivamente completato nel 1627.

1915 - 1918 (danneggiamento intero bene)

Durante la prima guerra mondiale la chiesa venne danneggiata da una granata, che distrusse un altare in legno e una pala.

1948 - 1948 (ampliamento intero bene)

Nel 1948 l'edificio, considerato di grandezza insufficiente per l'accresciuta comunità, venne ampliato nell'abside e nella sacrestia, su disegno del geometra Giorgio Sartori di Rovereto, che eseguì anche lavori di consolidamento della struttura.

1994 - 1994 (ristrutturazione intero bene)

La chiesa è stata ristrutturata nel 1994.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Viale Tomasoni 1 Ala (Tn)

Via S. Michele Mezzocorona (Tn)

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Strada De Sora Vac 98 Pozza Di Fassa

Via Cere' 14 Avio