• Home
  •  > Notizie
  •  > Sbalzato dal trattore mentre taglia legna pensionato muore schiacciato dal mezzo

Sbalzato dal trattore mentre taglia legna pensionato muore schiacciato dal mezzo

Gioacchino Mazzorana, 73 anni, era in un bosco in località Piombei. Per anni aveva lavorato per l’ente Provincia

Sbalzato dal trattore che stava conducendo, resta schiacciato dal mezzo. Ha perso la vita sul colpo Gioacchino Mazzorana, 73enne pensionato residente a Navasa (Limana), che ieri pomeriggio stava facendo legna in un bosco di sua proprietà in località Piombei, lungo la strada che porta a Valmorel.

A nulla sono valsi i soccorsi, che sono stati tempestivi: troppo gravi le ferite riportate da Mazzorana, rimasto schiacciato dal trattore.

L’incidente

L’allarme è scattato alle 16.20 di ieri pomeriggio. Mazzorana era andato nel bosco in via Case Sparse, in un terreno di sua proprietà, per tagliare legna.

Stava tirando un tronco utilizzando un verricello applicato al trattore quando il fusto si è impigliato. In un attimo il verricello si è bloccato e il mezzo agricolo si è ribaltato, sbalzando l’uomo fuori dalla cabina. Il trattore l’ha poi travolto, provocandone la morte.

I soccorsi

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Belluno, personale medico con l’elicottero e i carabinieri, che si sono occupati di ricostruire la dinamica dell’incidente. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. I vigili del fuoco si sono occupati del recupero del mezzo, operazione che ha richiesto circa due ore.

La vittima

Gioacchino Mazzorana era nato il 20 novembre del 1946, aveva 73 anni e viveva in via Navasa 9. Era pensionato da alcuni anni, dopo aver lavorato come dipendente della Provincia di Belluno: si occupava del magazzino di La Cal e della sistemazione delle strade (quelli che un tempo si chiamavano “stradini”), prima che nascesse Veneto strade.

Da quando era andato in pensione trascorreva molte ore all’aria aperta, nei campi che gli piaceva coltivare ma anche nei boschi, dove andare a fare legna. Chi lo conosce ne parla come di una persona esperta del mestiere, uno che non si improvvisava, tanto che non andava mai da solo a fare queste operazioni.

Sposato, lascia due figli, un maschio e una femmina. I carabinieri hanno accertato la dinamica dell’incidente la salma è già stata messa a disposizione della famiglia per fissare i funerali. —

Pubblicato su Corriere delle Alpi