• Home
  •  > Notizie
  •  > Precipita per 100 metri davanti al marito e muore

Precipita per 100 metri davanti al marito e muore

La coppia di Pesaro si trovava sul sentiero 421 fra i rifugi  Dibona e Pomedes sulleTofane La donna è caduta nel ghiaione inutili i tentativi di rianimarla



Era appena arrivata a Cortina con il marito. Quella di ieri pomeriggio era la prima escursione che facevano. Sentiero 421, un percorso non impegnativo fra il rifugio Dibona e il rifugio Pomedes, sulla Tofana di mezzo. Ma ad un certo punto la donna, S.P. di 49 anni di Pesaro, è scivolata, precipitando per cento metri davanti agli occhi del marito. È morta sul colpo.

l’incidente

L’incidente è successo ieri pomeriggio attorno alle 16. La coppia di Pesaro era arrivata sulle Dolomiti in mattinata, per qualche giorno di vacanza. Ieri pomeriggio i due hanno deciso di fare un’escursione e hanno scelto il sentiero 421, nel gruppo delle Tofane. Un sentiero Cai non impegnativo, anche se presenta tratti di salita e serpentine che richiedono un discreto allenamento alla montagna.

La coppia era partita dal rifugio Dibona e era diretta al Pomedes. Ad un certo punto la donna è caduta: una scivolata che l’ha fatta volare fuori dal sentiero.

La 49enne è precipitata per cento metri, finendo su un ghiaione dove è stata trovata dai soccorritori. Il marito, che era con lei e ha assistito alla caduta è stato trovato sotto choc, tanto da non ricordare nemmeno il nome dell’hotel in cui alloggiava con la moglie.

i soccorsi

La 49enne è stata raggiunta dal personale medico a bordo dell’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano, intervenuto su richiesta di Pieve di Cadore perché Falco era impegnato in un altro intervento. I medici hanno subito iniziato a praticarle le manovre di rianimazione, poi supportati dai soccorritori del Sagf e del Soccorso alpino di Cortina, elitrasportati sul posto.

Purtroppo non c’è stato nulla da fare. Una volta constatato il decesso, la salma ricomposta e imbarellata è stata trasportata al Rifugio Dibona in attesa del carro funebre. —





Pubblicato su Corriere delle Alpi