• Home
  •  > Notizie
  •  > Tragedia in un bar: anziano va alla toilette e muore per un malore

Tragedia in un bar: anziano va alla toilette e muore per un malore

La tragedia a Lentiai. La moglie, non vedendolo uscire dal bagno, ha lanciato l’allarme

LENTIAI. Un infarto. Sono state queste le cause che hanno portato al decesso dell’anziano che ieri in tarda mattinata si era sentito male al Bar Canton di Lentiai.

Il fatto si è verificato attorno alle 11. L’uomo, P. B. , di circa ottant’anni, che è originario del Comasco, era giunto il giorno stesso in paese per fare visita a dei parenti, accompagnato dalla moglie: la coppia aveva ordinato un caffè e dopo un breve scambio di battute con i titolari del locale l’anziano si è assentato per recarsi in bagno, dove si è poi consumata la tragedia.

Con il passare dei minuti, non vedendolo più uscire è stata proprio la moglie a dare l’allarme, preoccupata per l’insolito ritardo, del marito, presa dal panico.

Nel locale nel frattempo erano sopraggiunti altri clienti oltre a quelli già presenti.

I titolari, dopo aver constatato che l’anziano signore non dava nessun segnale hanno subito avvertito l’ambulanza e non solo: sono stati chiamati anche i vigili del fuoco perché la porta d’ingresso dei bagni era stata chiusa dall’interno.

Il che rendeva inutile i tentativi dei gestori e della gente di aprire la porta con un’altra chiave.

Giunti sul posto, sia i sanitari del 118 del Santa Maria del Prato di Feltre che una squadra di vigili del fuoco hanno preso coscienza che l’unico modo per entrare era dalla finestra che dava sul retro: e una volta penetrati all’interno della stanza non hanno che potuto constatare quanto era accaduto. L’anziano riversava al suolo privo di vita.

Inutili sono risultati pertanto i tentativi dei medici che hanno provato a rianimarlo sul posto e successivamente, durante il trasporto in ospedale.

«Purtroppo non c’è molto da dire», afferma la titolare del locale Elena Fugazza, che con la sorella Cinzia gestisce l’attività «è stata una cosa improvvisa. Abbiamo provato in tutti i modi ad aprire la porta ma era chiusa dall’interno: l’anziano, come abbiamo saputo poco dopo era morto sul colpo». —

D. D. .

Pubblicato su Corriere delle Alpi