Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa di Santa Lucia Vergine e Martire

Chiesa di Santa Lucia Vergine e Martire
S. Lucia v.m.

TRENTO
Caltron, Cles (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa di Santa Lucia, situata nella frazione di Caltron di Cles, è menzionata a partire da un documento del 1328; i visitatori vescovili del 1616 riportano che all'epoca la chiesa era dedicata a San Nicolò, la dedicazione alla santa pare essere successiva. Verso la metà del XVII secolo la chiesa viene ricostruita, mantenendo le forme originarie con l'aggiunta dell'archivolto della navata. La facciata, a spioventi, reca in posizione centrale, in basso, il portale lapideo di accesso. A... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di Santa Lucia, situata nella frazione di Caltron di Cles, è menzionata a partire da un documento del 1328; i visitatori vescovili del 1616 riportano che all'epoca la chiesa era dedicata a San Nicolò, la dedicazione alla santa pare essere successiva. Verso la metà del XVII secolo la chiesa viene ricostruita, mantenendo le forme originarie con l'aggiunta dell'archivolto della navata. La facciata, a spioventi, reca in posizione centrale, in basso, il portale lapideo di accesso. A sinistra del portale si apre una finestra quadrangolare; al di sopra del portale è situata una nicchia centinata ospitante una scultura a tutto tondo, sovrastata da un oculo strombato. I prospetti laterali rivelano il lieve aggetto del corpo della navata rispetto a quello del presbiterio; la fiancata destra non presenta aperture ed è caratterizzata dalla presenza del corpo della sacrestia, aderente al volume del presbiterio. La fiancata sinistra è aperta da due finestre rettangolari inferriate, una posta presso la navata, l'altra presso il presbiterio. Il prospetto occidentale rivela il profilo poligonale dell'abside e la presenza di un oculo presso la parete di fondo. Il campanile a torretta emerge dall'incontro delle falde di copertura, in prossimità della facciata; presenta un fusto quadrangolare in legno, aperto sulla cella campanaria da una monofora a tutto sesto per lato. La cuspide, in scandole di larice, è a piramide quadrangolare ed è coronata da una croce apicale. L'interno presenta una navata unica, scandita in due campate dai peducci posti sulle pareti laterali a sostegno delle nervature della volta reticolare che copre l'ambiente. L'arco santo a tutto sesto, sorretto da pilastri semi addossati alle pareti dotati di cornice di imposta, introduce all'ambiente, elevato da un gradino del presbiterio, coperto da una volta reticolare e dotato di accesso ai locali di sacrestia sulla parete laterale destra.

Pianta

Navata e presbiterio a pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale, abside a pianta poligonale. La sacrestia è a pianta quadrangolare.

Facciata

La facciata, a spioventi, reca in posizione centrale, in basso, il portale lapideo di accesso, dotato di piedritti modanati e architrave formato da fregio liscio e cornice. A sinistra del portale si apre una finestra quadrangolare con cornice lapidea ed inferriata; al di sopra del portale è situata una nicchia centinata ospitante una scultura a tutto tondo, sovrastata da un oculo strombato. Le finiture sono ad intonaco tinteggiato ed elementi lapidei a vista.

Prospetti

I prospetti laterali rivelano il lieve aggetto del corpo della navata rispetto a quello del presbiterio; la fiancata destra non presenta aperture ed è caratterizzata dalla presenza del corpo della sacrestia, aderente al volume del presbiterio. La fiancata sinistra è aperta da due finestre rettangolari inferriate, una posta presso la navata, l'altra presso il presbiterio. Il prospetto occidentale rivela il profilo poligonale dell'abside e la presenza di un oculo presso la parete di fondo. Le finiture sono ad intonaco tinteggiato.

Campanile

Il campanile a torretta emerge dall'incontro delle falde di copertura, in prossimità della facciata; presenta un fusto quadrangolare in legno, aperto sulla cella campanaria da una monofora a tutto sesto per lato. La cuspide, in scandole di larice, è a piramide quadrangolare ed è coronata da una croce apicale.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame intonacata; strutture di orizzontamento: volta reticolare in muratura presso la navata ed il presbiterio.

Coperture

Copertura a due falde sulla navata, a più falde convergenti sul presbiterio. Struttura portante in legno, manto di copertura in tegole a coda di castoro.

Interni

L'interno presenta una navata unica, scandita in due campate dai peducci posti sulle pareti laterali a sostegno delle nervature della volta reticolare che copre l'ambiente. L'arco santo a tutto sesto, s

1328 - 1328 (menzione carattere generale)

Weber (1937) riporta che la prima menzione della chiesa di Santa Lucia risalirebbe ad un atto del 1328.

1616 - 1616 (menzione carattere generale)

Gli atti visitali di quest'anno riportano che la chiesa era allora intitolata a San Nicolò; i visitatori vescovili ordinano di ricostruirne il soffitto.

1648 - 1649 (restauro intero bene)

La chiesa viene restaurata completamente, mantenendo le forme precedenti; la volta che copre la navata viene probabilmente eretta in concomitanza con questi interventi.

1672/09/05 - 1672/09/05 (consacrazione carattere generale)

Il vescovo di Trento Sigismondo Alfonso di Thun consacra la chiesa, da poco riedificata e l'altare, dotato per l'occasione di nuove reliquie.

1734 - 1734 (rifacimento pavimentazione)

Ad opera dell'artigiano Leonardo Melchiori viene rinnovata la pavimentazione.

1998 - 2002 (restauro intero bene)

Su progetto dell'architetto Chiara Zanolini, viene portato a termine un restauro conservativo complessivo, che vede il recupero degli intonaci e degli elementi lapidei interni ed esterni, il restauro del manto di copertura e del campaniletto, alcune opere di drenaggio.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Piazza San Vito Andalo (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via Roma 25 Tonadico

38057 Trento

Via Pola 6 Riva Del Garda