Chiese in Provincia di Trento - città di Peio: Chiesa di San Giorgio

Chiesa di San Giorgio
SS. GIORGIO E LAZZARO Chiesa dei Santi Giorgio e Lazzaro S. Giorgio

TRENTO / PEIO
via San Giorgio - Peio (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La chiesa parrocchiale di Santi Giorgio sorge a Peio con orientamento a est. Di antiche origini, venne ricostruita nella seconda metà del XV secolo ad opera di maestranze lombarde ed ampliata tra il 1620 e il 1624. La semplice facciata presenta un portale architravato tra finestrelle rettangolari. Scostato dalla chiesa si innalza il campanile dalla cuspide piramidale in pietra, costruito tra il 1480 e il 1483. All'edificio si accede dal lato meridionale. L'interno è diviso in due navate... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa parrocchiale di Santi Giorgio sorge a Peio con orientamento a est. Di antiche origini, venne ricostruita nella seconda metà del XV secolo ad opera di maestranze lombarde ed ampliata tra il 1620 e il 1624. La semplice facciata presenta un portale architravato tra finestrelle rettangolari. Scostato dalla chiesa si innalza il campanile dalla cuspide piramidale in pietra, costruito tra il 1480 e il 1483. All'edificio si accede dal lato meridionale. L'interno è diviso in due navate asimmetriche, separate da colonne lapidee. Sul lato sinistro si apre una cappella laterale. Il presbiterio, rialzato su due gradini è concluso da un'abside poligonale. L'edificio presenta volte reticolate sulla navata maggiore e su presbiterio e abside, mentre volte a crociera coprono la prima campata della navata maggiore, la navata sinistra e la cappella laterale.

Preesistenze

Navata centrale (ad eccezione della prima campata) e zona presbitero-absidale corrispondenti alla chiesa quattrocentesca.

Pianta

Pianta rettangolare ad asse maggiore longitudinale, a due navate asimmetriche; navata sinistra con cappella laterale sinistra a pianta rettangolare; navata maggiore terminante in presbiterio rettangolare concluso da abside poligonale.

Facciata

Facciata rettangolare aperta da un portale architravato in granito, tra due finestrelle rettangolari. Zoccolo ad intonaco rustico e finiture ad intonaco tinteggiato.

Prospetti

Fiancate ritmate da contrafforti. Fiancata sud aperta da un portale architravato e sovrastato da lunetta. Fiancata nord caratterizzata dal corpo sporgente della cappella laterale e della sacrestia. Zoccolo ad intonaco rustico e finiture ad intonaco tinteggiato.

Campanile

Struttura a pianta quadrata, isolata e posta a nord; zoccolo ad intonaco rustico; fusto in muratura intonacata aperto alla sommità da monofore; cuspide piramidale in pietra.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame intonacata. Strutture di orizzontamento: volta a crociera sulla prima campata e volte reticolate sulle restanti campate della navata maggiore; volte a crociera sulle tre campate della navata sinistra; volta a crociera sulla cappella laterale; volta reticolata su presbiterio e abside. Presenza di tiranti in ferro nelle navate.

Coperture

Tetto a doppia falda sulla navata; tetto a più falde su presbiterio e abside; tetto a più falde sulla cappella laterale. Manto di copertura in scandole lignee.

Interni

Due navate disuguali, separate tra loro da colonne lapidee e suddivise ognuna in tre campate. La navata maggiore è affiancata da una navata sinistra di dimensioni minori, aggiunta posteriormente. Le pareti sono scandite da paraste, oltre le quali si generano le volte: tre finestre lunettate illuminano la navata sinistra e una, a livello della seconda campata, la navata maggiore; in corrispondenza della terza campata della navata sinistra si apre una cappella laterale, rialzata su un gradino e illuminata da quattro finestre. Presbiterio preceduto da arco santo ogivale, rialzato su due gradini e caratterizzato dal portale di accesso alla sacrestia sul lato sinistro. Abside illuminata da due bifore e da un'apertura circolare. Finiture a intonaco tinteggiato.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento della navata a piastrelle in granito. Pavimento del presbiterio e della cappella laterale a mattonelle lapidee bianche e nere disposte a corsi diagonali.

Elementi decorativi

Affresco raffigurante San Cristoforo sulla parete nord del campanile, protetto da una tettoia a due spioventi. Affresco nella lunetta del portale laterale sud. Affresco con Crocifissione dipinto esternamente sul fianco sud del presbiterio. Meridiana dipinta all'esterno sul'abside. Affreschi sulle pareti del presbiterio e dell'abside. Stucchi nella cappella laterale.

1380 - 1380 (menzione carattere generale)

La primitiva chiesa dei Santi Giorgio e Lazzaro (oggi dedicata a San Giorgio) è documentata nel 1380, in una pergamena conservata presso l'archivio parrocchiale.

XV - 1481 (ricostruzione intero bene)

La primitiva chiesa venne demolita nella prima metà del XV secolo e la nuova ricostruita nella seconda metà del secolo e decorata da affreschi attribuibili a Giovanni e Battista Baschenis. I lavori dovevano essere terminati verso il 1481.

1481/02/14 - 1481/02/14 (erezione a curazia carattere generale)

La chiesa ottenne il fonte battesimale e fu eretta a curazia di Celledizzo nella pieve di Ossana il 14 febbraio 1481.

1481 - 1486 (campanile costruzione)

Il campanile venne fabbricato tra il 1481 e il 1483 da maestranze lombarde, dirette dai muratori Antonio di Giacomo da Menaggio e Antonio di Bartolomeo de Vincenzi. Entro il 1486 il campanile venne dipinto con affreschi assegnati a Giovanni e Battista Baschenis.

1525 - 1525 (fine lavori intero bene)

La data 1525 incisa sul portale laterale indica presumibilmente la fine dei lavori; l'affresco della lunetta soprastante è stata attribuita a Simone II Baschenis.

1595 - 1595 (costruzione sacrestia)

Nel 1595 sul lato sud della chiesa venne aggiunta la sacrestia.

1607 - 1607 (decorazione presbiterio e abside)

Le pareti del presbiterio e dell'abside vennero decorate da affreschi nel 1607 (data dipinta su un riquadro della parete sinistra).

1617 - 1624 (ampliamento intero bene)

Nella visita pastorale del 1617 fu ordinato di coprire gli affreschi e di ampliare la chiesa. Gli affreschi vennero con ogni probabilità scialbati e i lavori di ampliamento sono documentati tra il 1620 e il 1624: la navata fu prolungata di una campata e sul lato nord venne aggiunta una navata laterale. Una meridiana dipinta esternamente sull'abside ricorda tali lavori.

1672 - 1684 (cappella laterale costruzione)

La cappella laterale sinistra di Sant'Antonio da Padova, concepita da don Antonio Rigo de Righis nel 1672, fu edificata nel 1684 da Giovanni Battista Delaiti.

1830 - 1884 (rimaneggiamenti intero bene)

Nel corso del XIX secolo sono documentati diversi lavori all'edificio: nel 1830 e nel 1848 furono realizzate opere di risanamento; le bifore originali del campanile furono ridotte in finestroni nel 1850; il portale della facciata venne rimaneggiato nel 1855, data incisa sullo stesso, nel 1884 venne abbassato il piano delle navate.

1912 - 1914 (restauro presbiterio)

Tra il 1912 e il 1914 vennero messi in luce da don Giovanni Bevilacqua gli affreschi del presbiterio dei pittori Dalla Torre di Mezzana e un frammento di affresco, opera dei Baschenis.

1914/11/04 - 1914/11/04 (erezione a parrocchia carattere generale)

La chiesa fu eretta a parrocchia il 4 novembre 1914.

1922 - 1922 (restauro intero bene)

L'edificio fu oggetto di un restauro conservativo nel 1922.

1964 - 1964 (ricostruzione sacrestia)

La sacrestia, posta originariamente sul lato sud, venne demolita nel 1964 e ricostruita sul lato nord.

1965 - 1966 (restauro intero bene )

La chiesa fu oggetto di restauri tra il 1965 e il 1966.

2007 - 2011 (restauro intero bene )

L'ultimo restauro complessivo è stato realizzato tra il 2007 e il 2011.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via Borgo Nuovo 2 Denno

Via Postal 29 38010 Trento