Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa di Santa Maria Madre della Chiesa, di San Vigilio e di San Lorenzo

Chiesa di Santa Maria Madre della Chiesa, di San Vigilio e di San Lorenzo
santa Maria, Madre della Chiesa, di San Vigilio (...) e di san Lorenzo

TRENTO
via Tita Piaz, 12 - Pera, Pozza di Fassa (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
La nuova chiesa di Pera di Fassa, dedicata a Santa Maria Madre della Chiesa e ai Santi Vigilio e Lorenzo, venne costruita tra il 1973 e il 1975 su progetto dell'architetto Glauco Marchegiani e dell'ingegnere Paolo Mayr. L'edificio, organizzato su una pianta irregolare e asimmetrica, è orientato a est e presenta una facciata a due spioventi, caratterizzata dall'emergere di un avancorpo cieco, ai lati del quale si aprono due accessi gemelli. Il timpano disegnato dagli spioventi del tetto è... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La nuova chiesa di Pera di Fassa, dedicata a Santa Maria Madre della Chiesa e ai Santi Vigilio e Lorenzo, venne costruita tra il 1973 e il 1975 su progetto dell'architetto Glauco Marchegiani e dell'ingegnere Paolo Mayr. L'edificio, organizzato su una pianta irregolare e asimmetrica, è orientato a est e presenta una facciata a due spioventi, caratterizzata dall'emergere di un avancorpo cieco, ai lati del quale si aprono due accessi gemelli. Il timpano disegnato dagli spioventi del tetto è interamente finestrato. Il lato sinistro presenta un andamento curvilineo e murature in cemento a vista, rivestite in legno nella parte sommitale. La fiancata destra, rettilinea, è caratterizzata dalla presenza di un'ampia finestratura continua e dall'emergere di una cappella a lato del presbiterio. Il lato posteriore replica il disegno della facciata. L'ampia aula unica, ribassata rispetto al livello stradale, è organizzata a platea digradante verso il presbiterio, coperta da soffitto ligneo sorretto da capriate in legno e metallo, poggianti su pilastri circolari liberi che si dispongono lungo le murature perimetrali. L'area presbiteriale è individuata da una predella rialzata su tre gradini, ai lati della quale si sviluppano due cappelle a pianta trapezoidale irregolare.

Pianta

Pianta irregolare, asimmetrica; aula a pianta rettangolare con asse maggiore trasversale, affiancata a sinistra da un ambiente a pianta irregolare; presbiterio rettangolare, affiancato da due cappelle a pianta trapezoidale.

Prospetti

Prospetto principale orientato a ovest, a due spioventi, delimitato lateralmente da due pilastri circolari e caratterizzato dall'emergere di un avancorpo cieco, ad andamento semicircolare, ai lati del quale si aprono due accessi gemelli; il timpano disegnato dagli spioventi del tetto è interamente finestrato. Fiancata sinistra caratterizzata dall'emergere di un corpo edificiale ad andamento curvilineo, finestrato, corrispondente alla "sala mamme". Fiancata destra caratterizzata da un'ampia finestratura a tutta parete; a lato del presbiterio emerge il volume della cappella laterale. Il lato posteriore replica il disegno del prospetto principale.

Struttura

Strutture portanti verticali: murature continue e pilastri in cemento armato. Strutture di orizzontamento: soffitto a due falde sorretto da capriate in legno e metallo.

Coperture

Tetto a doppia falda, con struttura lignea e manto di copertura in lamiera metallica.

Interni

Ampia aula unica organizzata a platea digradante verso il presbiterio, ribassata rispetto al livello della strada e raggiungibile tramite due rampe di scale simmetriche disposte parallelamente alla controfacciata. Quest'ultima è sfondata al centro da un piccolo ambiente adibito a penitenzieria. L'ampia aula unica è ritmata da due serie di cinque pilastri liberi, a sezione circolare, disposti lateralmente, e presenta pareti in cemento armato a vista, concluse in alto da ampie finestrature continue e da un rivestimento in legno. Sul lato sinistro si affaccia un ambiente finestrato, rialzato, destinato ad accogliere le madri con bambini. L'area presbiteriale è individuata da una predella rialzata su tre gradini. Ai suoi lati si sviluppano due cappelle simmetriche.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in mattonelle di ceramica disposte a spina di pesce, comune a navata e presbiterio.

Elementi decorativi

La parete di fondo del presbiterio reca una ricca decorazione a mosaico.

1973 - 1975 (costruzione intero bene)

La nuova chiesa di Pera di Fassa fu costruita su progetto dell'architetto Glauco Marchegiani e dell'ingegner Paolo Mayr tra il 1973 e il 1975. I lavori furono materialmente condotti da imprese locali (opere murarie: impresa edile Giancarlo Bernard; opere di carpenteria: ditta Luigi Bernard).

1975/12/25 - 1975/12/25 (inaugurazione carattere generale)

La prima messa fu celebrata nella notte di Natale del 1975.

1976 - 1976/06/27 (completamento intero bene)

Le rifiniture esterne furono completate nella primavera del 1976.

1976/06/27 - 1976/06/27 (consacrazione carattere generale)

La chiesa fu consacrata dall'arcivescovo di Trento, Alessandro Maria Gottardi, il 27 giugno 1976.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Xxiv Maggio Borgo Valsugana (Tn)

Via Per Barco Levico Terme (Tn)

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Onoranze funebri a TRENTO

Via Del Garda 99 38065 Mori

Snc, Borgo Valsugana Snc Castelnuovo