Chiese in Provincia di Trento - città di : Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Ss. Pietro e Paolo

TRENTO
via San Pietro - Sclemo, Stenico (TN)
Culto: Cattolico
Diocesi: Trento
Tipologia: chiesa
Sorta presumibilmente in sostituzione di un precedente luogo di culto, la chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Sclemo, orientata ad est, si trova quasi alla sommità del colle su cui si dispone il paese. Il massiccio campanile con bifore e tetto piramidale è addossato alla facciata a due spioventi, con bel portale rinascimentale, mentre la parte più antica della costruzione corrisponde al presbiterio, eretto nel 1491 e ornato internamente da affreschi attribuiti a Cristoforo Baschenis, oggi... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Sorta presumibilmente in sostituzione di un precedente luogo di culto, la chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Sclemo, orientata ad est, si trova quasi alla sommità del colle su cui si dispone il paese. Il massiccio campanile con bifore e tetto piramidale è addossato alla facciata a due spioventi, con bel portale rinascimentale, mentre la parte più antica della costruzione corrisponde al presbiterio, eretto nel 1491 e ornato internamente da affreschi attribuiti a Cristoforo Baschenis, oggi lacunosi. La navata unica, divisa in tre campate, è coperta da volta reticolata; su due delle chiavi di volta maestro Beltramo da Como ha lasciato la sua firma e la data del 1533. Il presbiterio a pianta rettangolare è elevato di un gradino ed è stato sopraelevato nel 1795. La chiesa, che conserva diversi arredi in bronzo realizzati da Luciano Carnessali, il sacerdote artista che resse la parrocchia dal 1960 alla morte nel 2003, è officiata, alternativamente con quella di Seo, la domenica e una volta a settimana nei giorni feriali.

Preesistenze

Capitello medievale, presumibilmente del XIII secolo, indizio di una chiesa precedente; zona presbiterale della fine del Quattrocento.

Pianta

Pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale; presbiterio a pianta rettangolare.

Facciata

Facciata a due spioventi; portale architravato sormontato da frontone triangolare tra due finestre rettangolari; finestra centrale superiore a lunetta con cornice modanata. Finiture a intonaco tinteggiato.

Prospetti

Fiancata sinistra cieca, scandita da quattro contrafforti in pietra a vista; fiancata destra marcata da un solo contrafforte nei pressi dell'ingresso laterale e dalla sacrestia emergente, illuminata da una monofora centinata in corrispondenza della terza campata e da una rettangolare sul presbiterio. Finiture a intonaco tinteggiato.

Campanile

Torre a pianta quadrangolare addossata alla facciata sulla destra, con scarpa, corpo intonacato e cantonali in pietra a vista. Cella campanaria delimitata da cornici aggettanti, illuminata da quattro bifore a luci centinate, separate da colonnine. Tetto piramidale svasato, globo e croce apicale.

Struttura

Strutture portanti verticali: muratura in pietrame. Strutture di orizzontamento: volta reticolata nella navata, con la presenza di tiranti in ferro; volta a crociera in muratura nel presbiterio.

Coperture

Tetto a due spioventi sulla navata e sul presbiterio, con struttura portante in legno e manto di copertura in tegole di laterizio, a spiovente unico sopra la sacrestia, con manto di copertura in coppi. Campanile coperto da scandole lignee.

Interni

Navata unica divisa in tre campate, scandite dalle unghie della volta; nella seconda campata si apre l'ingresso laterale. Presbiterio rettangolare elevato di un gradino, preceduto da un'arcata, profilato da cornicione modanato. Finiture a intonaco tinteggiato, ove non siano presenti affreschi.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento della navata a mattonelle quadrate in cemento, bianche e rosse, disposte a scacchiera; pavimento del presbiterio a quadrotte in pietra calcarea, sempre bianche e rosse, in corsi diagonali.

Elementi decorativi

Ciclo di affreschi frammentari sulle pareti del presbiterio e sulla parete destra della terza campata.

XIII - XIII (preesistenze intorno)

In chiesa si conserva un capitello medievale, presumibilmente del XIII secolo, reimpiegato come cippo, indizio di un precedente luogo di culto dove ora sorge l'edificio quattrocentesco.

1491 - 1491 (costruzione intero bene)

La data del 1491 (erroneamente letta anche come 1421) è incisa su di una lapide incassata all'esterno, sul muro del presbiterio, e indica presumibilmente l'anno di erezione della chiesa attuale.

1491 - 1499 (decorazione presbiterio)

Un ciclo di affreschi attribuito a Cristoforo Baschenis, oggi assai lacunoso, orna le pareti del presbiterio e risale alla fine del Quattrocento.

1533 - 1533 (ampliamento intero bene)

Nel 1533 "maestro Bertram" (Beltramo da Como) modificò la costruzione (probabilmente ampliando la navata e sopraelevando l'intera chiesa), lasciando la sua firma sulle chiavi di volta.

1795 - 1795 (sopraelevazione abside)

Nel 1795 il presbiterio venne sopraelevato; la data è visibile all'esterno, sul cornicione.

1837 - 1837 (erezione a primissaria carattere generale)

La chiesa divenne primissaria della pieve del Banale nel 1837.

1964 - 1964 (scoperta affreschi presbiterio)

Nel 1964 don Luciano Carnessali scoprì gli affreschi tardoquattrocenteschi, nascosti dallo scialbo.

Mappa

Cimiteri a TRENTO

Via Antonio Rosmini Rovere' Della Luna (Tn)

Via Di Sorari Terlago (Tn)

Via Roma Vigolo Vattaro (Tn)